Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Vittoria per i dipendenti a tempo determinato. La Asl concede la proroga

I contratti, in tutto 289, in scadenza domani verranno prorogati fino alla fine dell'anno per garantire la continuità dei livelli essenziali. Lo rende noto 'Salute Salento': "Scorrimento della graduatoria per chi ha compiuto 12 mesi di servizio"

I lavoratori durante una protesta

LECCE – Una proroga avvenuta sul filo del rasoio, ma ora i lavoratori a tempo determinato della Asl di Lecce possono tirare un sospiro di sollievo. Seppur molto temporaneo,  considerato che il loro rapporto di lavoro proseguirà solo fino alla fine dell’anno. Era stato fissato per domani 31 ottobre, infatti, il termine ultimo di scadenza per 289 contratti del personale sanitario: nello specifico 116 dirigenti medici e farmacisti, 129 infermieri, collaboratori professionali e tecnici, 44 fra operatori socio-sanitari e autisti.

La buona notizia giunge dall’associazione ‘Salute Salento’ che spiega: “La direzione della Asl, in zona Cesarini, ha autorizzato una proroga di due mesi che, sottolineano i vertici dell’azienda sanitaria, si giustifica con la necessità di garantire la continuità dei servizi essenziali”.

Per adottare il provvedimento-tampone, dopo le vibranti proteste degli ultimi tempi che avevano messo in subbuglio i direttori di via Miglietta, l’azienda avrebbe dovuto operare una revisione della spesa storica (da gennaio a ottobre 2014) al fine di verificarne la compatibilità con il limite di spesa fissato dalla legge (50 per cento della spesa corrispondente nell'esercizio 2009).

Al termine della ricognizione delle risorse, aggiunge l’associazione ‘Salute Salento’, si è preso atto che 24 lavoratori (tra operatori sociosanitari e autisti) che hanno compiuto 12 mesi di servizio cesseranno il loro contratto e a questi subentreranno altri lavoratori mediante scorrimento della graduatoria. Un limite, quello dell’annualità, adottato dall’azienda e condiviso (così fanno sapere dalla Asl) anche dai sindacati

La proroga fino al 31 dicembre è stata accordata anche a 14 fra operatori tecnici e autisti che non hanno compiuto i 12 mesi di servizio, per la frazione rimanente. La previsione formulata dalla Asl in aprile 2014, che attendeva già dal 1° luglio l'arrivo di infermieri in mobilità regionale, rammentano i responsabili dell’associazione, è stata vanificata dal carattere limitato delle deroghe e dal ritardo delle decisioni governative, pervenute in agosto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vittoria per i dipendenti a tempo determinato. La Asl concede la proroga

LeccePrima è in caricamento