Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

L’assessore: “Sequestro necessario, ma la soluzione era vicina”

Andrea Guido commenta l’intervento della magistratura che oggi ha disposto il sequestro preventivo del canile sanitario: “Tamponata l’emergenza ma il bando era stato finalmente pubblicato. Di qui a breve avremmo espletato la gara”

Foto del Corpo forestale dello Stato

LECCE – L’assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, ha commentato tramite una nota stampa il sequestro preventivo del canile sanitario comunale – disposto dal gip Carlo Cazzella - dove una situazione di sovraffollamento aveva creato delle condizioni precarie e potenzialmente pericolose per gli animali e per gli stessi  volontari e veterinari che lavorano nella struttura. E’ dal 2003 che Asl in primis, ma poi anche le associazioni, avevano chiesto all’amministrazione comunale di adeguarsi alla normativa e di intervenire con la manutenzione ordinaria e straordinaria.

“Spesso - ha commentato l’assessore Andrea Guido -  gli iter amministrativi impongono svariati passaggi che non fanno altro che allungare enormemente i tempi impiegati per la risoluzione delle problematiche. Prendo atto del decreto firmato dal gip Cazzella, provvedimento senza ombra di dubbio necessario: tuttavia, mi rammarico del fatto che tale decreto sia arrivato proprio quando la situazione volgeva verso una soluzione definitiva. L’iter per la riorganizzazione e l’affidamento del servizio, infatti, era in dirittura d’arrivo. Il bando era stato finalmente pubblicato e cominciavano già ad arrivare le prime buste. Di qui a breve avremmo espletato la gara e saremmo giunti nei tempi tecnici ad un’aggiudicazione. Oggi, con questo intervento della magistratura, è come se si fosse tamponata momentaneamente l’emergenza ma il problema rimane e andrà risolto in via definitiva e una volta per tutte in altre sedi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’assessore: “Sequestro necessario, ma la soluzione era vicina”

LeccePrima è in caricamento