Assunzioni stagionali “lampo” in Aqp? Femca Cisl evidenzia presunte anomalie

La segreteria provinciale del sindacato sottolinea un presunto paradosso: “Acquedotto pugliese impiega anni a prendere decisioni, poi assume in 5 giorni 3 lavoratori da impiegare presso i depuratori di Casarano, Gallipoli e Lecce che potranno vantare titoli per i bandi futuri”

LECCE – Presunte assunzioni “lampo” in Aqp. La denuncia arriva dalla segreteria provinciale di Femca Cisl secondo la quale, a fronte di un presunto ritardo dimostrato dall’azienda che gestisce l’acquedotto pugliese nel riconoscimento dei diritti dei lavoratori, al contrario si sarebbero verificate selezioni ed assunzioni particolarmente rapide a Gallipoli, Casarano e Lecce.

In che senso? La storia viene così ricostruita dal sindacalista Sergio Calò: “Acquedotto pugliese spa, 17 giorni addietro, ha affidato ad una società di somministrazione, con sede a Taranto, l’incarico di indire una selezione utile all’assunzione stagionale di tre lavoratori da impiegare presso i depuratori di Casarano, Gallipoli e Lecce. La sede tarantina, a sua volta, ha inoltrato alla richiesta alla sede Leccese della società che, dopo la  pubblicazione della notizia di selezione sugli organi di stampa locali, avrebbe ricevuto circa 10 curricula immediatamente segnalati alla direzione di Aqp Lecce”. “La direzione di Aqp Leccese – prosegue Calò- ha richiamato a “selezione” i lavoratori interessati, scegliendone 3 da avviare all’attività lavorativa”.

I conti però, a detta di Femca Cisl, non tornano: “Non ci spieghiamo come mai Aqp, che si definisce un’azienda seria che tiene a mantenere corrette relazioni sindacali, non ha comunicato nulla, come si dovrebbe, al sindacato? Perché per ogni cosa, di natura sindacale o meno, il carrozzone Aqp impiega mesi, se non anni, a prendere decisioni, mentre per assumere 3 lavoratori, di vecchie e nuove conoscenze, ha impiegato meno di 5 giorni effettivi?”.

E ancora: “Perché l’azienda ha fatto tutto il giro del Grande Salento (da Taranto a Lecce) per selezionare i lavoratori che, per poter cogliere l’opportunità lavorativa come cittadini, dovrebbero acquistare il giornale ogni giorno, a differenza di chi ha saputo “per caso” della selezione, senza ricorrere all’ausilio dei mass media?”. Femca Csil punta il dito contro alcune presunte anomalie, sostenendo che “alla luce dei fatti diventa completamente falso lo sbandierato codice etico, pomposamente dichiarato ed applicato da Aqp, mentre risulta reale solo una considerazione: dov’è la trasparenza, la chiarezza e la visibilità oggettiva degli atti?”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’esito di questa vicenda non appare roseo: “Finirà come tutte le vicende occupazionali generate negli ultimi 10 anni dal governo della Regione Puglia di Nichi Vendola e cioè, che i 3 lavoratori chiamati per selezione, appena uscirà l’imminente bando di stabili assunzioni in Aqp, vanteranno titoli preferenziali solo per il fatto di aver lavorato già come precari e salteranno in testa a tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento