Scu, struttura reticolare e peculiarità provinciali. Il focus sul Salento

La commissione parlamentare antimafia prosegue il programma delle audizioni. Dopo gli incontri con la Dda e i procuratori la conferenza finale della presidente Bindi

Rosy Bindi in prefettura, a Lecce.

LECCE – Una giornata di approfondimenti investigativi prima del bilancio finale. Prosegue presso la prefettura di Lecce il progamma di audizioni della commissione antimafia.

L'organismo parlamentare, composto in questa missione salentina da dieci componenti, nel primo pomeriggio di oggi incontra i massimi responsabili della magistratura inquirente che nelle tre province della Puglia meridionale coordinano la repressione dei reati in particolare attenzione alla criminalità organizzata: Cataldo Motta, capo della direzione distrettuale antimafia di Lecce e procuratore della Repubblica nel capoluogo salentino, Marco Dinapoli e Franco Sebastio, rispettivamente procuratori di Brindisi e Taranto. Ciascuno di loro accompagnato dai sostituti e dagli aggiunti impegnati in prima linea.

Prima delle audizioni la presidente della commissione, Rosy Bindi, ha incontrato per pochi minuti i cronisti. ViStill0223_00004-2ge il massimo riserbo – tra ieri e questa mattina sono stati ascoltati i prefetti – e solo domani mattina, nel corso di una conferenza stampa si potranno fare i dovuti approfondimenti per temi e per zone.

“Si conferma l’utilità della nostra presenza come commissione - ha dichiarato l’esponente del Pd - in questa parte di Puglia che è la patria della Scu dove si ribadisce la sua struttura reticolare che, peraltro, assume caratteristiche diverse anche nelle tre province”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dai colloqui intercorsi finora, ha anticipato la presidente,  si può dire che “non siamo ancora di fronte a una mafia che abbia fatto il salto verso l’imprenditorialità; le attività sono prevalentemente quelle criminali come la droga, le estorsioni, ma si deve vigilare perché un’eventuale loro crescita può portare a una penetrazione nell’economia legale, a un accaparramento degli appalti, a un’influenza forte nei confronti della politica e della pubblica amministrazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento