rotate-mobile
Politica

Passa l'aumento dell'Imu. Stangata natalizia da 3,7 milioni di euro

Il consiglio comunale, con 21 voti a favore e 7 contrari, ha approvato le nuove aliquote. Il sindaco e l'assessore al Bilancio ribadiscono l'inevitabilità della manovra. L'opposizione non ci sta: "Nascosta la verità sui conti"

LECCE - Che non ci sarebbero state sorprese, al momento del voto sull'aumento delle aliquote Imu, si era capito nel corso delle sedute della commissione Bilancio e dal tenore delle dichiarazioni apparse nelle ultime settimane sugli organi di informazione: per l'amministrazione comunale, e di conseguenza per la maggioranza di cui è espressione, il ritocco al rialzo non poteva essere evitato, stante la riduzione oltremodo penalizzante dei trasferimenti dallo Stato (meno un milione e 700mila euro) e l'incertezza su alcune entrate, come quella - pari a 2 milioni stimati - derivante dal condono Tarsu rispetto al quale si è ancora in attesa di conoscere il parere del ministero delle Finanze. 

Si è detto deluso, dispiaciuto e mortificato, l'assessore ai Tributi, Attilio Monosi, consapevole di essere venuto meno ad una delle solenni promesse elettorali più qualificante: quella di non aumentare le tasse. Il sindaco, Paolo Perrone, ha invitato l'aula a riflettere sul fatto che la metà dei Comuni italiani si è ritrovata costretta a ricorrere all'unico strumento di prelievo fiscale a propria disposizione e che il vero avversario degli enti locali è la politica del governo centrale.

Ma la morale della storia non cambia: il conguaglio della tassa sugli immobili che si deve pagare per metà dicembre sarà più oneroso per i cittadini leccesi.  Nella seduta odierna del consiglio comunale l'aliquota ordinaria è stata ufficialmente portata al massimo consentito passando dal 10 per mille al 10.6. Quella sulla prima abitazione è tornata al 4 per mille, dopo la riduzione di un punto formalizzata nella seduta del primo di agosto. Sono stati 21 i voti a favore, 7 quelli contrari.

L'aumento del gettito previsto, è di un milione e 700mila euro per l'aliquota ordinaria, di poco meno di due milioni per la prima casa. La minoranza ha votato contro, accusando il governo cittadino di aver a lungo nascosto le reali condizioni delle finanze dell'ente, di aver sempre rifiutato lo studio di qualsiasi contributo da parte dei consiglieri di opposizione e di aver, anzi, vantato un risanamento dei conti. Del resto, il punto di vista del centrosinistra è diametralmente opposto: i quattrini ricevuti dallo Stato sono gli stessi che arrivavano quando era in vigore l'Ici, il vero problema è una spesa corrente che è cresciuta vorticosamente negli ultimi anni arrivando a toccare i 120 milioni di euro. L'assessore Monosi ha già annunciato, in relazione alla previsione per il 2013, un taglio di 17 milioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passa l'aumento dell'Imu. Stangata natalizia da 3,7 milioni di euro

LeccePrima è in caricamento