Politica

Minerva di misura su Fasano. A Nardò ribaltone: il sindaco è Mellone

A Gallipoli la vittoria va al candidato del centrosinistra per 280 voti di scarto. A Nardò Risi resta inchiodato al dato del primo turno e cede il passo

Al centro, Giuseppe Mellone (foto di A.Quarta).

LECCE – Le due sfide elettorali per il ballottaggio delle amministrative in provincia di Lecce si sono chiuse con un verdetto al fotofinish che premia Giuseppe Mellone a Nardò e Stefano Minerva a Gallipoli.

A Nardò il candidato del centrodestra ha ribaltato il risultato del primo turno quando aveva registrato il 30 per cento dei consensi, a fronte del 40 per cento del sindaco uscente, Marcello Risi. In pratica Mellone è riuscito a migliorare la dote di voti del 5 giugno mentre l’esponente del Pd ne ha persi strada facendo. Per Mellone 8589 schede, circa 2mila e 300 in più del primo turno, mentre Risi è rimasto sostanzialmente inchiodato al dato del primo turno (8494 contro 8366).

A Gallipoli invece Stefano Minerva ha ottenuto 5810 voti pari al 51,23 per cento contro i 5530 di Fasano, pari al 48,77 per cento, tra i due 280 voti di differenza. L''esponente del Pd partiva da un 37,37 del primo turno, l'ex sindaco invece aveva ottenuto il 39,89 per cento. Il vincitore ha avuto circa mille e 100 voti in più rispetto al 5 giugno mentre l'incremento di Fasano è stato della metà, insufficiente a scongiurare il sorpasso.

(Vedi i dati sull'affluenza)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minerva di misura su Fasano. A Nardò ribaltone: il sindaco è Mellone

LeccePrima è in caricamento