Martedì, 3 Agosto 2021
Politica

Politiche di tutela del paesaggio, a Melpignano sventola la Bandiera verde

Ennesimo riconoscimento conferito al Comune dalla Confederazione italiana agricoltori, che premiano aziende private ed enti pubblici che, nelle loro azioni, si sono distinte per la tutela dell'ambiente e l'uso razionale del suolo

MELPIGNANO - Dopo i premi, “Klimaenergy” e “Spendere Senza Soldi” e la candidatura del sindaco Stomeo al premio “Luisa Minazzi – ambientalista dell'anno”, il Comune di Mepignano potrà sventolare la “Bandiera Verde agricoltura 2013”, riconoscimento conferito dalla Confederazione italiana agricoltori.

Si tratta di un riconoscimento con cui si premiano aziende agricole, regioni, province, comuni, comunità montane e parchi che si sono particolarmente distinti nelle politiche di tutela dell’ambiente e del paesaggio anche a fini turistici, nell’uso razionale del suolo, nella valorizzazione dei prodotti tipici legati al territorio, nell’azione finalizzata a migliorare le condizioni di vita ed economiche degli operatori agricoli e più in generale dei cittadini.

Il concorso-premio Bandiera verde agricoltura nasce nel 2003 su iniziativa di Marco Giardini, allora presidente della Cia della provincia di Ancona, diventando premio interregionale nel 2006 e premio nazionale dal 2007. Il premio, che consiste nell’assegnazione di una bandiera verde con il marchio agricoltura, è suddiviso in varie sezioni: province, comuni, aziende agricole singole o associate, altri fuori concorso.

I requisiti essenziali sono: la storia, le azioni svolte, i capitoli di spesa per gli enti locali e i piani di investimento per le imprese tesi a salvaguardia, a valorizzazione e promozione dell’agricoltura, dell’ambiente e della qualità e tipicità agricole ed enogastronomiche locali.

Il conferimento al Comune di Melpignano arriva per le politiche e i progetti di impronta ambientale portati avanti, dalla più apprezzata Coop di Comunità, che grazie alla diffusione del fotovoltaico diffuso sui tetti ha ridotto il consumo improprio di terreni agricoli ai fini dell'istallazione dei grandi impianti; all'efficientamento energetico degli edifici pubblici, al sistema di raccolta differenziata spinta e alla creazione di parchi comunali e infrastrutture per la mobilità sostenibile.

Ritirerà il premio, il prossimo 11 novembre presso la sala Protomoteca del Campidoglio a Roma, dal presidente dal comitato promotore di Cia, Ivan Stomeo, alla presenza di Ignazio Marino, sindaco della capitale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Politiche di tutela del paesaggio, a Melpignano sventola la Bandiera verde

LeccePrima è in caricamento