Bandiere blu, l'orgoglio dei sindaci per il "certificato" di qualità ambientale

Gli amministratori di Otranto, Castro, Melendugno e Salve presso la sede romana del Cnr. Anche quest'anno incassato un riconoscimento importante

Gli amministratori all'esterno della sede del Cnr.

OTRANTO - Al termine della cerimonia di presentazione del conferimento delle "bandiere blu" i sindaci di Otranto, Melendugno, Salve e Castro (Luciano Cariddi, Marco Potì, Vincenzo Passaseo e Alfonso Capraro)  hanno ostentato con orgoglio il vessillo che certifica l'impegno di quelle amministrazioni comunali in tema di sostenibilità ambientale, di qualità delle acque e di efficienza dei servizi.

Le quattro località hanno confermato dunque il risultato del 2015. Come anticipato ieri, in Puglia si fregiano del colore blu anche Polignano a Mare, Ostuni, Fasano, Monopoli, Margherita di Savoia, Castellaneta e Ginosa.In tutta Italia sono state 293 le località prescelte dopo la valutazione di rigorosi parametri di giudizio.

La soddisfazione di Luciano Cariddi, primo cittadino di Otranto, è quella di tutti i suoi colleghi: "Un riconoscimento che accogliamo sempre con soddisfazione e che ci sprona a continuare nel lavoro che portiamo avanti ormai da anni. Tanti gli interventi attuati per migliorare il nostro ambiente e la qualità di vita per cittadini e turisti. Attività di sensibilizzazione per la tutela del territorio, salvaguardia delle acque di balneazione, miglioramento del ciclo di depurazione delle acque, gestione del servizio raccolta rifiuti urbani. Elementi, questi, che vengono presi in considerazione dalla Fee per l’attribuzione della Bandiera Blu. Ci fa piacere condividere questa conferma con alcune altre località salentine e pugliesi, segno evidente di una accresciuta attenzione da parte del nostro territorio tutto verso i temi ambientali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Scuola, in arrivo una nuova ordinanza: Ddi al 100 per cento per una settimana

  • Squarcio di due metri nella strada: betoniera passa, autopompa sprofonda nel vicolo

Torna su
LeccePrima è in caricamento