Politica

Lotta ai tumori, pronto il bando per l’acceleratore lineare dell’ospedale ‘Fazzi’

Una notizia decisiva per tutti i pazienti costretti a lunghi, e costosi, viaggi della speranza per sconfiggere le neoplasie. Soddisfazione espressa dal consigliere regionale Congedo e dal consigliere provinciale Rampino: "Fondamentale non perdere altro tempo"

La sede della Asl di Lecce

LECCE – Una buona, anzi ottima notizia, per i pazienti salentini. La Asl di Lecce ha infatti pubblicato il bando per la procedura negoziata per l’acquisizione di un acceleratore lineare di nuova generazione da integrare alla dotazione dell’ospedale ‘Vito Fazzi’ di Lecce: un macchinario indispensabile per intervenire tempestivamente, e con successo, su svariate patologie tumorali.

L’acceleratore presenterà la possibilità, infatti, di erogare una elevata dose di radiazioni sull’area colpita dalla malattia (neoplasia) salvaguardando  gli organi sani, con grande vantaggio clinico per il paziente. L’iniziativa rappresenta, evidentemente, un grande passo in avanti nella cura dei tumori e per la salvaguardia della salute di un intero territorio e, come tale, è stata salutata dagli esponenti politici.

 “Finalmente siamo a una svolta decisiva-  ha commentato il vice presidente vicario del gruppo Pdl/Fi alla Regione Puglia, Erio Congedo - . Gli sforzi del Salento e di tutti i livelli istituzionali del territorio, che da tempo sollecitavano l’acquisto di questo strumento fondamentale per la salute di migliaia di malati oncologici, stanno per giungere a un esito positivo. Del resto, la drammatica diffusione di patologie tumorali nel Salento da tempo ha imposto al Polo Oncologico del Fazzi di Lecce di dotarsi di un mezzo di comprovata efficacia terapeutica come l’acceleratore lineare di ultima generazione”.

Congedo ha voluto sottolineare un vantaggio economico non secondario: ovvero il drastico abbattimento del costo (anche sociale)  sostenuto da numerosi salentini costretti a compiere i cosiddetti “viaggi della speranza” verso strutture ospedaliere più attrezzate. “L’acceleratore – ha aggiunto - è molto più di una speranza per tante persone e per questo motivo è fondamentale non perdere altro tempo e adempiere il prima possibile ai successivi passaggi burocratici per l’individuazione del fornitore, la fornitura stessa e la messa a disposizione dei pazienti”. 

Soddisfazione è stata espressa anche da Alfonso Rampino, consigliere provinciale del Pd, che ha commentato così la notizia: “La caparbietà di tantissimi salentini e la sensibilità di una larga parte della politica locale oggi è stata premiata. Grande è la soddisfazione di chi, sin dall’inizio, ha creduto nell’importanza di poter disporre sul nostro territorio di questo innovativo macchinario. In questo momento, non posso non condividere questa gioia con quanti in Consiglio provinciale, nella scorsa consiliatura, aderirono all’ordine del giorno da me presentato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta ai tumori, pronto il bando per l’acceleratore lineare dell’ospedale ‘Fazzi’

LeccePrima è in caricamento