Politica Gallipoli

Barba pungolo del Centrodestra: “No a fuga in avanti, ragioniamo su programmi e candidato”

Il senatore forzista reattivo dopo l’annuncio del candidato di Fratelli D’Italia si dice pronto a lavorare per un progetto alternativo a Minerva. “Nelle prossime ore valuteremo ciò che sta accadendo e daremo il nostro contributo”. Congedo: “Murra un candidato di bandiera”

A destra il senatore Vincenzo Barba

GALLIPOLI - Fratelli d’Italia scuote i rivoli del centrodestra gallipolino annunciando la discesa in campo con un proprio candidato sindaco di bandiera, il coordinatore cittadino Luca Murra, e ils senatore azzurro Vincenzo Barba si dimostra alquanto reattivo e pronto come non mai a lavorare per un progetto alternativo all’amministrazione uscente del sindaco Stefano Minerva.

Nel contempo frena le annunciate fughe in avanti degli “amici” del centrodestra auspicando un ragionamento più ponderato sui programmi per il rilancio della città e l’indicazione di un candidato sindaco sul quale far confluire il proprio appoggio.

“A Gallipoli siamo passati dalla lentezza del bradipo alla frettolosità della gatta che rischia di fare i figli ciechi. Le repentine accelerazioni di candidati a sindaco, che spuntano come funghi nella notte, non aiutano e corrono il rischio di creare problemi anziché risolverli perfino in presenza di persone perbene, che possiamo definire amici e che siamo certi sarebbero potenzialmente buoni amministratori” il commento pepato del senatore forzista, “la condivisione è tutto in politica e la ricerca delle alleanze è cosa intelligente. La forma, poi, a differenza della mancanza di cortesia è sempre gradita. Ma di ciò avremo tempo per parlarne”.

“È vero che nella città bella tutto può sempre succedere, ma ci vorrebbe un po’ di sano equilibrio e di trasparente logica per capire cosa vogliamo fare per i nostri concittadini e come vogliamo farlo” incalza l’ex sindaco gallipolino, “chi sarà il candidato a sindaco è certamente importante, ma viene un attimo dopo. Una cosa è certa: i gallipolini meritano un’amministrazione migliore, e non di poco, rispetto a quella che abbiamo avuto negli ultimi cinque anni. Questo è poco ma sicuro. E del resto lo sforzo di collezionare liste elettorali è un segno di debolezza oltre che di infantilismo”.

Il riferimento non troppo velato è legato alla costituenda colazione a sostegno della ricandidatura dell’attuale primo cittadino che annovera già almeno dodici liste annunciate. Ma lo stimolo primario del senatore gallipolino è rivolto al futuro del centrodestro a e al progetto più consono per la città.           

“Senza troppo sforzarsi possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno” commenta Barba, “i nostri appelli di qualche settimana fa, quando chiedevamo al centrodestra trasparenza, stanno andando a buon fine. La doverosa chiarezza è necessaria e i tentativi ambigui e trasversali stanno venendo a galla e presto verranno bollati come meritano nelle sedi competenti. Il tempo a nostra disposizione non è molto, ma alla buona predisposizione e alla programmazione seria le porte sono sempre aperte”. 

Il massimo esponente cittadino di Forza Italia garantisce che ci sono tutte le intenzioni per dar vita ad una coalizione che sappia riportare la buona amministrazione in quel Gallipoli. “L’assenza di competenza e di conoscenza della macchina amministrativa purtroppo stanno creando serio problemi all’immagine della città. E non solo all’immagine” lamenta ancora il senatore azzurro, “c’è bisogno di cambiare, ma il verbo cambiare, di per sé, non è una parola magica che basta pronunciare per risolvere le questioni. C’è bisogno di mettersi al lavoro, di costruire reti di fiducia e di consenso in una prospettiva diversa che porti la città bella ad occupare il posto che merita anche alla luce delle risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza che rappresentano un’occasione unica di crescita e di sviluppo per la città e che non possono essere lasciate in mani incapaci”.

Poi la chiosa finale: “nelle prossime ore valuteremo tutto ciò che sta accadendo e sarà nostra cura dare il contributo che tutti si aspettano da noi senza preclusioni di sorta, senza chiedere nulla in cambio ma solo e soltanto con l’unico obiettivo di rendere Gallipoli la perla che merita di essere”.

Congedo: “Murra il candidato giusto”

Il coordinatore provinciale di Fratelli D’Italia, Erio Congedo, intanto plaude alla decisione del circolo gallipolino e all’indicazione di Luca Murra candidato a sindaco.

“I gallipolini potranno scegliere un sindaco di centrodestra. L'opportunità è subito servita dal partito di Giorgia Meloni, che sceglie di portare avanti un progetto politico-amministrativo alternativo alle candidature messe in campo finora per la città, tutte di sinistra” commenta Congedo, “Fratelli d'Italia quindi sceglie Luca Murra, coordinatore cittadino del partito, noto professionista, capace imprenditore nel campo turistico e ricettivo”.

“Figura capace di unire doti politiche, umane e imprenditoriali che ne fanno l'uomo giusto per guidare Gallipoli. L'auspicio” conclude Congedo, “è che, attorno alla candidatura di Murra, che noi riteniamo la scelta più giusta, possa costruirsi un progetto vincente con partiti, movimenti e associazioni che si riconoscono nel centrodestra, che i gallipolini potranno sostenere in quanto unica vera proposta politica di centrodestra”.

Provenzano: “Fermo un turno, attendo unità”

Sino a tre mesi addietro è stato il referente cittadino del Movimento Regione Salento, ma dopo i continui rinvii dei tavoli del centrodestra ha inteso cedere il passo e tirarsi fuori dai giochi. Il già candidato sindaco della destra gallipolina, Tommaso Provenzano, non sarà in campo nella prossima tornata elettorale e rivolge un augurio ai tre competitor annunciati alla carioca di sindaco.

“Rivolgo un in bocca al lupo a Flavio, Stefano e Luca. La prossima tornata elettorale sarà un dentro-fuori per la nostra città, e il futuro sindaco avrà un compito arduo da portare avanti per far sì che la nostra Gallipoli possa essere riconosciuta sia come meta turistica sicura e accogliente, sia come città polivalente” scruve nella sua riflessione Provenzano.

“È questo ciò che sento di dire agli aspiranti sindaci alla ormai vigilia delle elezioni amministrative. Io, seppur con rammarico, non sarò della partita. Da candidato sindaco uscente con una lista di destra nelle passate elezioni amministrative, ho concentrato le mie energie da oltre un anno per poter ricompattare un centrodestra che si potesse presentare all'appuntamento elettorale in modo forte e programmatico. Purtroppo, non tutti hanno ritenuto vincente questa strategia e, pertanto, non si sono create le condizioni per poter partecipare a questa competizione elettorale”.

“Ringrazio il sindaco Stefano Minerva, l'avvocato Flavio Fasano e l'amico Luca Murra per i continui inviti che mi hanno rivolto e per la considerazione della mia persona. Il mio obiettivo, all'indomani delle prossime elezioni, sarà quello di ritornare a lavorare per un centrodestra unito fatto di idee e non di personalismi, così come ho sempre interpretato lo spirito della politica locale”.

“Spero in una campagna elettorale fatta di proposte e strategie che possano ridare lustro  alla nostra città” conclude Tommaso Provenzano, “in fondo, da destra a sinistra, c'è una cosa che accomuna tutti: l’amore per Gallipoli”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barba pungolo del Centrodestra: “No a fuga in avanti, ragioniamo su programmi e candidato”

LeccePrima è in caricamento