Lunedì, 26 Luglio 2021
Politica

Acqua per tutti. Firmato l'accordo per il bonus idrico 2013: sarà retroattivo

Sessantamila famiglie pugliesi potranno beneficiare del bonus. Il provvedimento, valevole per il 2013 ma con effetto retroattivo anche per il 2012, fa parte dell'addendum al Protocollo d'intesa del 21 giugno 2012. Accordo firmato a Bari da Vendola e Perrone. Critico l'Udc: "Serve lavoro, non elemosina"

@TM News/Infophoto

BARI - Sessantamila famiglie pugliesi potranno beneficiare del bonus idrico. Il provvedimento, valevole per il 2013 ma con effetto retroattivo anche per il 2012, fa parte dell'addendum al Protocollo d'intesa del 21 giugno 2012.

L’accordo è stato siglato questa mattina nella sede della Regione Puglia dal presidente della Regione, Nichi Vendola, dal presidente dell'Autorità idrica pugliese, Paolo Perrone, dal presidente dell'Aqp, Gioacchino Maselli e dal presidente di Anci Puglia, Luigi Perrone.

Le agevolazioni riguardano i cittadini in condizioni socio-economiche disagiate, gli stessi che hanno ottenuto il bonus energia. Il rimborso annuale, a seconda delle fasce di reddito, varierà tra i 40, 69 e 128,47 euro a famiglia (tariffe 2012) e tra i 42,72 e i 134,89 euro (tariffe 2013). In tutto saranno messi a disposizione circa 13 milioni e mezzo per il 2012 e altrettanti per il 2013.

“E' una delle poche occasioni - ha sottolineato il presidente di Aip e sindaco di Lecce, Paolo Perrone – nelle quali si decide di far ricorso ad un bonus in maniera retroattiva destinandolo ad una parte significativa della popolazione. Grazie a questo beneficio  veniamo incontro ad una fetta di cittadini che si trovano in condizioni disagiate. Un motivo in più di soddisfazione soprattutto alla luce dell'evidente e mortificante situazione paradossale in cui ci troviamo: mentre da una parte si allarga vistosamente il perimetro del bisogno, di pari  passo diminuiscono le possibiltà per riuscire a fronteggiarlo".

"E' un segnale in controtendenza - ha concluso il primo cittadino di Lecce - e incoraggiante che abbiamo voluto dare a quanti si trovano in gravi difficoltà”.

Nichi Vendola ha poi spiegato: "Per decine di migliaia di famiglie ci sarà un po' più di respiro” grazie all'abbattimento delle bollette per il 2014”. Si dovrà presentare istanza in base alle modalità previste dal bando che sarà definito dall'Autorità idrica e trasmesso ai Comuni. 

Come detto, l'agevolazione toccherà i pugliesi che abbiano già presentato istanza per il bonus elettrico e titolari di una fornitura idrica per una residenza realmente abitata, oltre che in regola con i pagamenti verso Aqp. Sarà comunque necessario avere anche un determinato reddito Isee o trovarsi in situazione di disagio fisico.

Per Salvatore Negro dell'Udc, però, "Alle fasce deboli della popolazione pugliese più che temporanei aiuti e sostentamenti serve lavoro. Per restituire dignità e serenità alle famiglie in difficoltà non basta pagare la bolletta dell’acqua, occorre dare la possibilità di avere un minimo di occupazione. Per questo motivo rinnoviamo l’invito al governo regionale a prendere in seria considerazione la proposta di legge del gruppo Udc che prevede interventi a sostegno dei disoccupati e delle famiglie in difficoltà”.

“La situazione è sempre più drammatica – ha sottolineato il capogruppo Udc – In Puglia, nell’ultimo anno si sono persi 120mila posti di lavoro. Un dato più che allarmante che impone alla Regione di aumentare l’impegno a sostegno dell’occupazione. Venire incontro alle famiglie più disagiate pagando la bolletta dell’acqua è veramente una goccia nel mare dei bisogni e ha il sapore di scelta demagogica e populista".

"Come gruppo Udc - ha proseguito - già quattro mesi or sono abbiamo presentato una proposta di legge che prevede l’istituzione di un fondo per l’erogazione di un contributo per l’impiego ai disoccupati nello svolgimento di lavori di pubblica utilità presso i Comuni o loro enti strumentali o società partecipate".

"Inoltre - ha concluso - è previsto un fondo per l’erogazione di contributi alle persone e alle  famiglie che hanno difficoltà a pagare il canone di affitto dell’abitazione principale o a pagare le  spese mediche e la fornitura di gas e luce". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua per tutti. Firmato l'accordo per il bonus idrico 2013: sarà retroattivo

LeccePrima è in caricamento