Barriere architettoniche da rimuovere: “Successo di Neviano per tutti”

È stata emessa il 30 ottobre scorso dall'ufficio tecnico del comune l'ordinanza che impone l'eliminazione dei gradini all'ingresso delle poste di Neviano. Il gruppo politico attivo da agosto, con iniziative, "risponde" a Bellanova

NEVIANO – Barriere architettoniche all’ufficio postale di Neviano e tre scalini che rendono l’accesso qualcosa che non è per tutti: il caso torna alla ribalta mediatica, dopo la presentazione di una interrogazione parlamentare della deputata salentina Pd, Teresa Bellanova, al ministro del Welfare, Elsa Fornero.

Il gruppo politico “Neviano per tutti” risponde a questa iniziativa, rivendicando un ruolo primario nell’aver posto la questione: “da soli”  sottolineano dal gruppo di essersi assunti l'onere di affrontare il problema e di mobilitarsi con un esposto al Comune ed una richiesta di controllo del 6 agosto scorso. A questo, vanno aggiunti due giorni di raccolta firme in piazza.

Il capogruppo di “Neviano per tutti”, Adriano Napoli, ricostruisce in una nota l’evoluzione della vicenda: “Il 30 ottobre l'ufficio tecnico del Comune ha finalmente emesso l'ordinanza alle Poste italiane S.p.A di eliminare gli scalini posti all'ingresso dell'ufficio postale locale non conformi alle norme vigenti in materia di abbattimento delle barriere architettoniche”. Il provvedimento è stato emesso su segnalazione proprio dello stesso Napoli, che il 6 agosto scorso aveva presentato al comune la segnalazione di questa grave inadempienza di legge, già più volte in passato oggetto di lamentele da parte di altri cittadini.

“Arrivare a questo provvedimento non è stato semplice – dichiara Napoli -, sono anni che la gente si lamenta e nessun amministratore è mai intervenuto a sistemare una situazione francamente sconcertante  che ha sempre creato enormi disagi alla cittadinanza. Tutti gli amministratori in carica sinora hanno sempre ignorato scandalosamente il problema, certamente non perché non se n'erano accorti ma per chiare opportunità elettorali”.

“Finalmente oggi – evidenzia - un primo provvedimento comunale è stato emesso, ma è necessario che si vada sino in fondo, senza sconti e favoritismi di nessun genere, perché la legge è uguale per tutti e deve essere applicata sempre allo stesso modo e con gli stessi tempi. Si proceda quindi entro i termini di legge, all'adeguamento dei locali dell'ufficio postale che devono essere sistemati in modo da rispettare tutte le norme sulla agibilità previste dalla legge e non solo quelle sull'abbattimento delle barriere architettoniche”.

Napoli ribadisce che debba essere garantita la piena fruibilità dei locali ai cittadini, altrimenti occorre costringere la società delle Poste italiane S.p.A. a spostare gli uffici in altri locali idonei del paese “attualmente non utilizzati, che certo non mancano”: “Le autorità preposte al controllo siano puntuali e inflessibili poiché in caso di omissioni nei controlli e nell'applicazione della legge, il sottoscritto - conclude - a nome del gruppo Neviano per tutti e nell'interesse di tutti i nevianesi, non esiterà un solo istante a presentare  un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica di Lecce per individuare e punire gli eventuali responsabili”.

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento