Lunedì, 27 Settembre 2021
Politica

Battaglia per il Frecciarossa, deputati del Pd incontrano il ministro dei Trasporti

Salvatore Capone e Federico Massa hanno avuto un confronto con Graziano Delrio che ha assicurato la convocazione di un tavolo diretto dal governo. Nel centrodestra Rocco Palese sollecita la fissazione di una data dopo l'impegno preso in Fiera del Levante

LECCE – Non ci sono dubbi sul fatto che sarà il governo a interessarsi direttamente dell’opportunità di portare il Frecciarossa Milano-Bari fino a Lecce. Lo ha assicurato il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, ai deputati salentini del Pd, Salvatore Capone e Federico Massa che lo hanno incontrato questa mattina.

I parlamentari – che hanno ribadito il loro massimo impegno affinché la vertenza sul treno veloce si concluda positivamente - si sono detti d’altra parte convinti che “l’audizione dell’amministratore di Ferrovie dello Stato nelle commissioni riunite Trasporti e Bilancio della Camera ha consentito di acquisire ampie assicurazioni circa l’avvio degli interventi finalizzati a realizzare, nell’arco del prossimo biennio, le opere necessarie ad abbattere in maniera significativa i tempi di percorrenza dei treni da Milano a Lecce; si tratta di un dato estremamente significativo che sarebbe assurdo sottovalutare”.

Dai banchi del centrodestra, però, il deputato Rocco Palese ricorda però che una data non è stata ancora fissata: “Non vogliamo pensare che il sottosegretario Claudio De Vincenti, in Fiera del Levante, abbia inteso liquidare la questione limitandosi solo a promettere un incontro e, siccome per il Salento l'arrivo dell'alta velocità è questione vitale, abbiamo deciso di scrivere al sottosegretario, ricordandogli che ha un impegno da onorare. Aspettiamo, quindi, a stretto giro, una data per questo incontro e, magari, anche un sollecito da parte dei vertici della Regione Puglia che sembrano indifferenti al fatto che qualcuno ha deciso di far finire la Puglia a Bari".

Per Luigi Manca, consigliere regionale del movimento Schittulli – Area Popolare “tocca adesso ai parlamentari esercitare le loro prerogative e richiamare l’attenzione del ministro dei Trasporti e del Presidente del Consiglio perché rivedano lo scriteriato piano redatto dai vertici di Trenitalia che mortifica e penalizza non solo le comunità interessate ma l’intero Mezzogiorno, alla luce dell’attrattività del Salento in ogni periodo dell’anno e di un’analisi lucida e corretta dei costi e dei benefici, ben lontana da quella prospettata per giustificare una scelta discutibile e assolutamente da rivedere”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Battaglia per il Frecciarossa, deputati del Pd incontrano il ministro dei Trasporti

LeccePrima è in caricamento