rotate-mobile
Le voci del centrodestra

Berlusconi editore televisivo e politico. Pagliaro: “Per me un modello”

Il fondatore di Telerama e consigliere regionale dichiara la sua ammirazione per il modo in cui Berlusconi ha innovato il modo di fare comunicazione in Italia e per le sue idee politiche. I commenti dei consiglieri comunali Pala e Martini

LECCE – La storia di Silvio Berlusconi, soprattutto da quando la dimensione politica è diventata prevalente se non esclusiva, ha sempre diviso l’opinione pubblica.

Da una parte i suoi sostenitori, alcuni dei quali lo hanno amato fino a idolatrarlo, dall’altra i suoi detrattori, in certi casi spietati. Esempio di virtù o paradigma negativo: le mezze misure, le sfumature hanno sempre trovato poco spazio quando si discuteva delle vicende che riguardavano Berlusconi.

La polarizzazione dell’opinione pubblica si è accentuata proprio durante la fase politica della sua lunga biografia e a questa contrapposizione ha sicuramente contribuito il modello televisivo offerto dalle reti Mediaset. Berlusconi, insomma, ha lasciato un’impronta non solo nella storia politica ed economica d’Italia, ma anche in quella del costume.

Lo testimonia anche la nota di Paolo Pagliaro, consigliere regionale di minoranza e fondatore di Telerama: “Silvio Berlusconi è stato per me un modello, come politico e come editore Tv, un genio, un visionario, un vincente. In entrambi i ruoli ha raggiunto una grandezza ineguagliabile, e lascia un vuoto enorme. Quando ho deciso di fare televisione, a 29 anni come lui, ho seguito la sua idea innovativa di tv. Volevo che la mia fosse una piccola Canale 5, ed ho iniziato il tg di TeleRama nello stesso giorno del Tg5. In seguito Berlusconi è diventato per me anche un riferimento politico: ho amato subito la sua cultura liberale e democratica, mi ha conquistato il suo modo di intendere la politica al servizio dell’Italia e degli italiani. Per lui non era una professione ma una missione”.

Pagliaro racconta quindi l'incontro che ebbe con Berlusconi: “Ricordo la straordinaria affabilità con cui mi accolse nella prima visita ad Arcore: dopo venti minuti di colloquio eravamo amici ed era come se ci conoscessimo da una vita. Mi stupirono la sua semplicità, la simpatia umana e la capacità di relazione, il suo intuito straordinario nel riconoscere e valorizzare i talenti. Silvio Berlusconi è stato sempre il numero uno: anche nello sport, dove ha ottenuto successi difficilmente replicabili e con il suo Milan è salito sul tetto del mondo. La storia renderà omaggio a questo grande uomo. Un grande Italiano”.

Il ricordo dei consiglieri Pala e Martini

Dal contesto del centrodestra locale si segnala anche il ricordo di Giorgio Pala, consigliere comunale: “Avevo 7 anni quando, a inizio 2001, vidi il mio primo dibattito politico in televisione e indicando a mia mamma uno dei protagonisti, dissi: 'Io vorrei essere come lui, vorrei fare quello che fa lui'. Inutile dirvi chi fosse l’oggetto della mia frase. Una figura come la tua nasce ogni duecento o trecento anni: probabilmente non vivremo abbastanza per vedere un altro personaggio come te. Conservo con orgoglio la felicità di averti conosciuto dieci anni fa: le poche chiacchiere scambiate mi fecero percepire di avere davanti un grande uomo. Hai fatto la storia politica e imprenditoriale del nostro Paese e, probabilmente senza volerlo, hai fatto anche gli italiani, cambiandone la mentalità e il modo di vivere. Per me rimarrai il leader che mi ha fatto avvicinare alla politica, per gli italiani (e per tutto il mondo) rimarrai sempre una leggenda. Ciao Silvio, fai buon viaggio”.

Di seguito il commento di Severo Martini, altro consigliere di minoranza: “Silvio Berlusconi rappresenta un pezzo di storia del nostro Paese. È stato molto amato, ma anche detestato, come tutti i grandi uomini. Ha cambiato il modo di fare politica. Oggi l’Italia piange la scomparsa di un grande uomo, amante della crescita e della libertà”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Berlusconi editore televisivo e politico. Pagliaro: “Per me un modello”

LeccePrima è in caricamento