Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

Bilancio 2012: la Lupia Servizi riduce le perdite d'esercizio del 30 per cento

Approvata dall'assemblea dei soci la chiusura dei conti: ridotti i costi di produzione per oltre un milione di euro e tagli al personale per 800mila. Il direttore generale Scrimieri conferma la rinuncia all'auto di servizio e alla retribuzione accessoria

LECCE – Riduzione dei costi di produzione per un milione e 180mila euro, di quelli per servizi, materie prime e merci di 420mila euro e tagli sul costo del personale per 800mila euro. Sono i numeri del bilancio 2012 approvato nei giorni scorsi dall’assemblea della Lupiae Servizi. Per il Comune di Lecce, socio unico, è una buona notizia: non sarà necessario alcun ripiano. Si è ridotta dunque del 30 per cento la perdita di esercizio rispetto a quello precedente.

Il direttore generale, Pietro Scrimieri, ha ribadito la rinuncia, già anticipata, alla propria retribuzione accessoria contrattuale e all’auto aziendale, per un anno. L'azienda in questo modo  avrà un risparmio superiore a  65mila euro. La scelta di Scrimieri si pone in linea con il Patto per Lecce, il programma di contenimento dei costi proposto dal sindaco di Lecce, Paolo Perrone, ai dipendenti e agli amministratori di Palazzo Carafa.

Toni rassicuranti dunque, eppure solo pochi giorni addietro il consigliere di opposizione, Luigi Melica, Udc, riportava all’attenzione dell’opinione pubblica le parole contenute nella relazione dei revisori dei conti del Comune di Lecce e riguardanti proprio la Lupiae Servizi cui sono affidati tutti i servizi pubblici, così come ribadito dal nuovo piano industriale approvato dal consiglio comunale il 14 dicembre: questa scelta, fatta per sottrarre la società al rischio della soppressione in base alle norme della spending review, rappresenterebbe una distorsione della concorrenza e del mercato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio 2012: la Lupia Servizi riduce le perdite d'esercizio del 30 per cento

LeccePrima è in caricamento