Politica

"Bilancio, spettro della sinistra amante delle tasse"

Paolo Perrone risponde alla diatriba sollevata da Antonio Rotundo sui documenti contabili: "Solo invenzioni per avere, in caso di elezione, le mani libere e metterle nelle tasche dei leccesi"

Il vicesindaco Paolo Perrone

Al vicesindaco Paolo Perrone le prese di posizione del centrosinistra sul Bilancio non scendono giù. E dice, a chiare lettere: "Sapete perché Antonio Rotundo agita lo spettro del buco nei conti? E' presto detto. Per avere poi in caso di elezione le mani libere e metterle nelle tasche dei leccesi alzando le tasse". Per Perrone ci sarebbe dunque massima affidabilità nei conti. Mentre a sinistra si starebbe effettuando una speculazione.

"Questo atteggiamento - dice Perrone - fa parte della cultura politica cui lui e i compagni Blasi e Salvemini appartengono. Quella delle tasse, appunto, dei comitati d'affari e delle gestioni pubbliche clientelari che favoriscono gli amici e gli amici degli amici, quasi sempre collocati all'ala estrema della coalizione, pronti a ricatti ed ultimatum. Rotundo dimostra di essere diligente allievo di Prodi e Padoa Schioppa o di Vendola e Saponaro. E' la stessa cosa. Anzi, la stessa scuola.

"Sia gli uni che gli altri, infatti - dice Perrone - si sono insediati ai rispettivi Governi agitando lo spettro delle voragini contabili. Che è falso, visto che a Bari il centrosinistra ha trovato un cospicuo avanzo e a Roma una quota di maggiori entrate per 37 miliardi di euro per il 2006 e 10 miliardi di euro per il primo trimestre 2007. Somme che non hanno restituito alle famiglie ed alle imprese italiane dopo un'inutile Finanziaria da cappio al collo per tutti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Bilancio, spettro della sinistra amante delle tasse"

LeccePrima è in caricamento