Politica

Blatte e zanzare, parte la disinfestazione programmata dal Comune di Lecce

Le proteste dei cittadini vanno avanti da giorni. Finalmente sembra che qualcosa si stia muovendo. Questo, almeno, vuole rassicurare l'assessorato all'Ambiente. Appaltati i lavori a un'associazione d'imprese, sono iniziate ieri le procedure. Il decalogo di Guido per i cittadini

LECCE – Le proteste dei cittadini vanno avanti da giorni. Alcuni hanno scritto alla nostra redazione già intorno al 20 di giugno per la presenza molesta di animali, soprattutto scarafaggi. Finalmente sembra che qualcosa si stia muovendo. Questo, almeno, vuole rassicurare il Comune di Lecce. Il quale annuncia che sono cominciati ieri gli interventi di derattizzazione, disinfestazione e antiblatte su tutto il territorio. Quindi, centro, periferie e marine.

La gara d’appalto è stata appena aggiudicata con una determina dirigenziale. Se l’è assicurata un’associazione temporanea di imprese  formata dalla Pan.Eco Srl di Modugno e dalla Delco Disifestazioni di Lecce, con un’offerta pari a 1 milione e 86 mila euro. Il servizio si svolgerà da qui per prossimi quattro anni.

Le operazioni tese all’eliminazione delle blatte, precisano i tecnici dell’Ufficio ambiente, si rivolgeranno solo alle condutture della fogna bianca. Quelle della fogna nera sono già state oggetto di interventi commissionatI dall’Aqp, che è l’ente competente.

“In queste ore – dichiara l’assessore Andrea Guido – è stato dato il via alle disinfestazioni in città e nelle marine. Gli interventi riguardano, oltre la deblattizzazione, antipulci e anti-zecche, anche e, soprattutto, le disinfestazioni anti-larva e anti-alato. Già da qualche anno, infatti, la presenza delle zanzare, non più limitata alla sola stagione estiva – continua l’assessore comunale - rappresenta un fenomeno in recrudescenza, provocato essenzialmente dal cambiamento delle condizioni climatiche, da quella che gli esperti definiscono tropicalizzazione”.

“Debellare la presenza delle zanzare a Lecce, quindi, è impossibile. Il problema c’è e rimarrà – dice -, si tratta solamente di lavorare per contenerlo il più possibile. E di seguire alcune semplici regole che ci aiuteranno a prevenirlo adeguatamente”.

Guido ha anche alcune rassicurazioni, una sorta di decalogo da tenere a mente. Chiedendo quindi aiuto agli stessi cittadini, rispetto agli interventi programmati. Fondamentale, ad esempio, è che le aziende private provvedano a eliminare tutti i possibili ristagni d’acqua, limitando così la proliferazione di esemplari. Bisogna poi fare attenzione a non abbandonare contenitori di qualsiasi forma e dimensione in spazi aperti pubblici e privati, compresi terrazzi e balconi, e in qualsiasi luogo in cui possa verificarsi raccolta di acqua piovana.

Ancora: è importante mantenere in perfetta efficienza le grondaie o i tombini presenti nei giardini o negli spazi condominiali, pulire bene vasi e sottovasi prima di collocarli all’interno delle abitazioni e convogliare in appositi apparati di scarico la condensa prodotta dagli impianti di climatizzazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blatte e zanzare, parte la disinfestazione programmata dal Comune di Lecce

LeccePrima è in caricamento