Giovedì, 24 Giugno 2021
Politica

Bollenti spiriti a Copertino? Per Sel, si “sono raffreddati”

Il segretario cittadino Calasso accusa l'amministrazione di non aver favorito la messa in funzione dell'ex scuola materna per il progetto relativo ai Bollenti spiriti: "Perché l'ufficio tecnico tarda ad espletare le pratiche burocratiche?"

Comune Copertino

COPERTINO – “Inefficienza, superficialità ed incompetenza: non usano mezzi termini dal circolo di Sinistra ecologia e libertà per definire l’amministrazione di Copertino, guidata da Giuseppe Rosafio, con particolare riferimento alla presunta incapacità di realizzare progetti già finanziati. Attenzione puntata sull’ex scuola materna di via Spallanzani, sede del Laboratorio urbano giovanile del programma “L’isola che c’è”, finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito della misura dei Bollenti spiriti, che, presentato come Unione dei comuni (Union Tre), a cinque anni dallo stanziamento dei fondi non risulta ancora pronto per l’utilizzo.

Nei prossimi giorni tutti i Lug dei comuni individuati (Carmiano, Veglie e Leverano) saranno inaugurati con tanto di cerimonia e di iniziative ed eventi legati fra loro: “Peccato – afferma il segretario di SeL, Salvatore Calasso -, che, per il laboratorio di Copertino, per il quale sono stati stanziati circa 150mila, l’ufficio tecnico non abbia ancora espletato tutte le pratiche burocratiche necessarie per il suo funzionamento”.

“La struttura infatti – prosegue -, dopo 5 anni dall’approvazione del progetto e almeno tre dalla ristrutturazione è ancora sprovvista dell’agibilità, sono ancora presenti nella struttura i calcinacci degli ultimi lavori effettuati tre anni fa e tutta l’attrezzatura, pagata dall’Union Tre con i soldi della Regione  è ancora imballata in qualche magazzino del comune di Copertino. Ci chiediamo che cosa stiano aspettando i solerti impiegati dell’ufficio tecnico nel rilasciare le apposite autorizzazioni affinché il laboratorio possa essere inaugurato insieme agli altri”.

“Ci chiediamo – aggiunge Calasso - come mai il nostro super sindaco con tanto di delega all’urbanistica non riesca a prendere in mano le sorti di un ufficio che ormai è diventato la barzelletta del paese. Eppure ci ricordiamo come, in campagna elettorale, questa amministrazione avrebbe dovuto fare uscire l’ufficio tecnico dal sonno e dal torpore in cui si trovava per colpa di qualche burattinaio, per farlo diventare, finalmente, il volano di una nuova idea di amministrazione. Ad oggi, l’ufficio tecnico continua a sonnecchiare e l’idea nuova di amministrazione è ancora inesistente. Una delle tante promesse al vento”.

Da Sel chiedono al sindaco e agli assessori competenti di impegnarsi attivamente affinché il laboratorio possa essere inaugurato insieme agli altri, visto che è stata anche la struttura che ha usufruito di un maggiore finanziamento per la ristrutturazione e per lo start up: “Il laboratorio urbano giovanile di Copertino – spiega - è nato come posto di  socialità e di cultura, è inserito all’interno del progetto l’Isola che non c’è che ha usufruito complessivamente di un finanziamento di 700mila euro dalla prima giunta Vendola”.

“Si candida – sottolinea Calasso - ad essere un progetto ad alta innovazione tecnologica all’interno del quale sono previsti laboratori montaggio audio video, sale multimediali, sale letture, laboratori teatrali e artigianali, sale prove, web tv e molte altre cose a disposizione dei giovani dell’Union Tre. A gestire la strutture sarà una ats composta dall’azienda video Prime e dalle associazioni Arci sotterranei e Acmelab di Copertino e dalle associazioni che hanno partecipato alla realizzazione del progetto”.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollenti spiriti a Copertino? Per Sel, si “sono raffreddati”

LeccePrima è in caricamento