Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

Bruni: "Le spiagge tornino ai Comuni, e ai cittadini"

Il consigliere provinciale di Forza Italia, ex primo cittadino di Otranto, propone che le spiagge di Porto Badisco e della Castellana siano ricondotte nel Demanio marittimo

Il dibattito sulle gestione delle coste tiene ancora banco, nonostante alcune rassicurazioni arrivate dalla Regione Puglia circa una nuova politica di decentramento decisionale in materia. Oggi a parlare è Francesco Bruni, consigliere provinciale di Forza Italia, ex primo cittadino di Otranto: "Ho avuto modo di leggere le dichiarazioni del sindaco di Otranto sulla gestione delle coste e dei litorali. È apprezzabile che in tali commenti si evidenzi la necessità di un sempre maggiore ruolo dei comuni nella gestione delle spiagge. Tale richiesta - dice - si scontra, però, con una prassi ormai consolidata, in virtù della quale la Regione decide, a proprio piacimento, il rilascio o l'ampliamento delle concessioni demaniali marittime, spesso in totale contrasto con le intenzioni e le decisioni dei Comuni e, quel che è peggio, dei cittadini".

Bruni precisa come lo scontro Regione-Comuni sia piuttosto datato: "Il caso di Otranto, a riguardo, fa scuola: da diversi anni l'amministrazione comunale, all'unanimità, ha richiesto all'assessorato regionale al Demanio marittimo una moratoria nel rilascio di nuove concessioni; la Regione ha disatteso tali richieste e ha consentito l'ulteriore rilascio di nuove autorizzazioni, addirittura ampliandone, con la vigente legge n. 17 del 2006, il periodo, da uno a sei anni. È giunto il momento che - aggiunge - che i Comuni esprimano nettamente la propria opposizione riguardo alle scellerate decisioni dell'Ente di via Capruzzi. Prima ancora di redigere un nuovo Piano Coste, i Comuni dovranno condizionare virtuosamente la Regione con l'obiettivo che, nella pianificazione regionale sul demanio, si preveda la possibilità di ampliare le zone libere di spiagge e coste fruibili da tutti i cittadini, che lo richiedono espressamente".

Bruni propone poi come raggiungere determinanti obiettivi: "Coerente con questa finalità è la battaglia per ridemanializzare coste e spiagge, soggette ad erosione, attualmente nell'esclusivo possesso dei privati. Il Comune di Otranto potrà dare un esempio in tal senso, chiedendo che siano ricondotte nel Demanio marittimo le spiagge di Porto Badisco (il cui possesso è attualmente al vaglio del giudice civile) e della Castellana, sita nella zona Nord della città. All'Amministrazione Comunale spetta, quindi, formalizzare e proporre le domande da presentare all'agenzia del Demanio". E a chi sottende che anche in simili questioni ci possa essere contrapposizione politica, Bruni risponde con fermezza: "Su questa iniziativa non mancherà il sostegno dei cittadini e delle forze politiche".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bruni: "Le spiagge tornino ai Comuni, e ai cittadini"

LeccePrima è in caricamento