Lunedì, 20 Settembre 2021
Politica Gallipoli

Campagna acquisti, Ferilli lascia I'Udc e passa nel Pdl

Mossa a sorpresa dell'asse Fitto-Barba in risposta alla candidatura di Quintana nelle fila del partito di Casini. Il consigliere più suffragato lascia l'opposizione e incassa la candidatura regionale

palazzo_Balsamo-2

GALLIPOLI - Non solo "granitica", per usare la terminologia di Vincenzo Barba, ma ora anche "rinforzata" dalla campagna acquisti innescata dal tourbillon elettorale delle regionali. La maggioranza di Palazzo Balsamo aumenta il suo peso specifico e nel periodo della "transumanza", che si interseca nell'ambito delle candidature per il prossimo turno elettorale, ecco il Pdl gallipolino acquisisce un uomo in più pescando in casa dell'Udc. È il consigliere comunale Fabrizio Ferilli, il più suffragato nella tornata delle ultime comunali in terra ionica, a fare il grande salto. Anzi il doppio salto, visto che nelle ultime ore, oltre al passaggio dai banchi dell'opposizione a quelli della maggioranza di Venneri e compagni, l'avvocato gallipolino incassa anche la candidatura per il Consiglio regionale chiudendo la casella della lista del presidente "I Pugliesi per Palese Presidente". Colpi di scena a non finire nelle ultime ore in riva allo Ionio dopo che appena ieri, con una conferenza stampa strappalacrime, il consigliere provinciale de "La Puglia Prima di Tutto", Sandro Quintana, aveva ufficializzato il suo divorzio dalla compagine legata a Raffaelle Fitto, e la sua candidatura alla Regione con il simbolo dell'Udc.

Una mossa a sorpresa alla quale ha risposto immediatamente l'asse Barba-Fitto che ha ottenuto un doppio risultato: rafforzare la maggioranza in quel di Gallipoli e schierare Ferilli come antagonista principale di Quintana nella corsa alle regionali. Una mossa tesa a sottrarre evidentemente consensi preziosi al neo candidato Udc, e che chiude anche il capitolo relativo al dilemma sulla candidatura dell'ex consigliere provinciale Giuseppe Coppola ( notoriamente non gradito a Barba) nella lista del presidente Palese. Giochi fatti, e il Pdl serra i ranghi spianando di fatto la strada anche al candidato di bandiera, Antonio Barba, nipote del deputato gallipolino e ora pronto a stampare i suoi manifesti elettorali con il simbolo del Popolo delle Libertà.

Il tutto avrà il crisma dell'ufficialità nella mattinata di domani nel corso della conferenza stampa indetta dal Pdl presso il Bellavista Club (ore 11), nel corso della quale verrà annunciato proprio il passaggio del consigliere comunale, Fabrizio Ferilli, dal Gruppo Consiliare dell'Udc a quello del Popolo della Libertà, oltre alla sua candidatura annunciata al consiglio regionale. "L'approdo diFabrizio Ferilli al Gruppo consiliare del Pdl" commenta a caldo Vincenzo Barba, "è l'autentica testimonianza del buon operare che ha contraddistinto la maggioranza sin dal momento del suo insediamento. Si tratta di un'adesione prestigiosa che ci riempie di orgoglio poiché decide di condividere il nostro cammino progettuale il consigliere comunale più suffragato di Gallipoli, ossia colui che nel corso delle ultime elezioni comunali ha ricevuto le maggiori attestazioni di condivisioni democratica da parte dei gallipolini. A nome mio personale del sindaco, Giuseppe Venneri, del capogruppo Pdl al Comune di Gallipoli, Salvatore Di Mattina e dell'intera maggioranza consiliare, giunga il più sincero e condiviso ben arrivato, nella certezza che tutti insieme si potrà contribuire alla crescita ed allo sviluppo del territorio eliminando le sacche di affarismo e scarso amore per la cosa pubblica che si annidano in tanti aspiranti pseudo-amministratori.


"Il passaggio di Fabrizio Ferilli dall'Udc al Pdl" conclude Barba, "rappresenta una freccia in più nell'arco di Rocco Palese che, siamo sempre più convinti, diventerà Presidente della Regione Puglia per il rilancio di un territorio che merita una guida sapiente e responsabile come tutti valutano il nostro candidato Governatore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campagna acquisti, Ferilli lascia I'Udc e passa nel Pdl

LeccePrima è in caricamento