Mercoledì, 4 Agosto 2021
Politica

Capone: "La sinistra non ha a cuore le nostre marine"

Il consigliere di Forza Italia risponde a Buccoliero (Popolari-Udeur) in merito alla discussione innescata sul poligono di Torre Veneri e ritorna anche sulla polemica del ripascimento delle spiagge

Un'immagine di San Cataldo, marina leccese per antonomasia (foto d'archivio)

"Adesso è tutto chiaro. Adesso finalmente la verità è venuta a galla. Le parole di Antonio Buccoliero sono state quanto mai esplicative sull'idea di sviluppo che il centrosinistra ha intenzione di riservare alle nostre marine all'indomani del voto". Antonio Capone, consigliere comunale di Forza Italia, risponde a muso duro al segretario cittadino dei Popolari-Udeur. In un intervento di alcuni giorni addietro, Buccoliero aveva difeso le ragioni della Scuola di cavalleria, al grido di "Il poligono di Torre Veneri non si tocca", invocando differenti strategie di sviluppo per le marine: "Lo sviluppo delle marine leccesi deve passare attraverso un ben più articolato piano di intervento, di cui il poligono di Torre Veneri rappresenta un aspetto meramente marginale. Non é certamente con la demagogia che si favorisce lo sviluppo delle nostre marine", aveva dichiarato (per l'articolo completo: https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=1633).

Ora, la replica di Capone. Che dice: "Mentre l'assessore regionale al Turismo parla retoricamente di destagionalizzazione dei flussi, diversificazione dell'offerta e valorizzazione dei litorali, il responsabile cittadino del suo stesso partito (pur dinanzi alle richieste legittime dei residenti e di chiunque si trovi sul posto che si vede costretto a sopportare un continuo martellamento di colpi a causa delle esercitazioni militari, un martellamento che scuote il sistema nervoso e danneggia gli immobili dell'area, causando crepe e lesioni sui muri) bolla come "semplici slogan" le proposte degli abitanti e di tanti giovani che vorrebbero organizzare quelle spiagge e quei litorali che sono off limits per tanti nostri concittadini e per tanti turisti".

"Adesso - prosegue Capone - i cittadini leccesi sono finalmente a conoscenza del fatto che il centrosinistra è contro la quiete pubblica, contro la tranquillità e la serenità dei cittadini, oltre che contro lo sviluppo. Oggi anche i loro elettori devono rendersi conto delle preoccupazioni e delle vuote polemiche di un centrosinistra che difende l'indifendibile, dimostrando di non avere a cuore le esigenze e i bisogni concreti della gente, nonostante le promesse e gli impegni profusi in campagna elettorale".


"Il centrosinistra dimostra di non avere come priorità il benessere dei cittadini e ciò soprattutto nelle nostre marine, dove agli operatori turistici, nel colpevole silenzio di tutti gli esponenti salentini di centrosinistra della Regione, della Provincia e del Comune, si nega la sabbia dovuta per dare inizio ad una stagione balneare che rischia ancora una volta di partire claudicante. Lorsignori - conclude il consigliere forzista - parlano di Grande Salento davanti alle telecamere, mentre latitano dinanzi agli insuccessi clamorosi della loro politica, che ricadono per intero sul nostro territorio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capone: "La sinistra non ha a cuore le nostre marine"

LeccePrima è in caricamento