Politica

Carmiano: Consiglio al voto per l'accertamento sulla posizione del presidente

E' approdato oggi il punto all'ordine del giorno avanzato dal gruppo LiberAzione, avente ad oggetto il procedimento di accertamento della condizione e sussistenza della causa di incompatibilità nei confronti del consigliere comunale, nonché presidente dell'assise, Daniele Carrozzo

CARMIANO - E' approdato oggi in consiglio comunale il punto all'ordine del giorno avanzato dal gruppo LiberAzione, avente ad oggetto il procedimento di accertamento della condizione e sussistenza della causa di incompatibilità nei confronti del consigliere, nonché presidente dell'assise, Daniele Carrozzo.

Il Consiglio, dopo un dibattito durato circa tre ore, nel quale ha analizzato minuziosamente la questione, si è dichiarato, con voto unanime, favorevole all'avvio del procedimento di accertamento. Durante il dibattito, il segretario generale Pierluigi Cannazza ha spiegato la causa che ha scatenato la vicenda, la quale sarebbe da attribuire  ad un cortocircuito interno alla macchina amministrativa, derivato da una mancanza di comunicazione tra l'ufficio abilitato al rilascio delle autorizzazioni e l'ufficio abilitato alla riscossione.

L'ufficio responsabile del settore economico finanziario, incaricato della riscossione, non avrebbe dunque ricevuto l'atto notarile con cui si comunicava l'avvenuta transizione delle concessioni tra la Dc Promotion , il cui titolare è Daniele Carrozzo, e la Dinamika Outdoor srl, ha affermato Cannazza.

Emerge dunque che Carrozzo avrebbe già provveduto a versare quanto dovuto fino al 04 agosto 2011, data in cui ha ceduto il ramo dell'attività, all'interno delle casse comunali e che in seguito al riscontro di tali incongruenze la Giunta comunale ha incaricato, con delibera del 3 Luglio 2015, l'avvocato Paola Vestito affinché, nell'interesse del Comune, portasse avanti la riscossione di quanto dovuto dalla ditta subentrata, ovvero la Dinamika srl.

All'indignazione del gruppo di liberazione, il sindaco Giancarlo Mazzotta ha risposto, rassicurando più volte durante l'assemblea, che il comune non accetterà atti transattivi ma andrà fino in fondo alla vicenda cercando di recuperare l'intera somma di cui il Comune è creditore. Al termine della discussione dunque l'assemblea ha votato unanime per l'avvio del procedimento che, in base all'articolo 69 del Decreto lesgislativo numero 267/2000, entro dieci giorni porterà alla valutazione della posizione di Carrozzo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carmiano: Consiglio al voto per l'accertamento sulla posizione del presidente

LeccePrima è in caricamento