Venerdì, 24 Settembre 2021
Politica

Case popolari: un incontro ed è bufera sull'assessore

Presso la sede di un patronato un incontro per illustrare i dettagli del bando che il Comune deve ancora pubblicare. L'invito partito per sms. Il Pd chiede subito le dimissioni di Lucio Inguscio

LECCE - Nuvole plumbee su Palazzo Carafa. Il Partito democratico di Lecce chiede le dimissioni immediate di Lucio Inguscio, assessore alle Politiche abitative della giunta Perrone.

La bufera si è scatenata nel pomeriggio, quando si è diffusa la notizia che presso la sede di un patronato fosse in corso un incontro, convocato via sms, per discutere del nuovo bando per l'assegnazione degli alloggi popolari, non ancora pubblicato in via ufficiale.

L'assessore non era presente, perché ammalato, ma almeno alcuni degli sms, come testimoniato anche dalle telecamere di Telerama, sarebbero partiti dalla sua utenza: "Se amici o parenti interessati, è imminente bando case popolari. Ti aspetto per un saluto in via Acclavio 18 ore 16-18 vicino Chiesa San Bernardino Realino. Lucio". Al domicilio indicato una persona dava informazioni alle famiglie che si erano recate sul posto. Quando si è resa conto di avere a che fare con un microfono, ha fatto uscire tutti e ha chiuso.


Il centrosinistra parla di atto gravissimo e domani mattina illustrerà la propria posizione nella conferenza che si terrà al secondo piano di Palazzo Carafa. Il telefono dell'assessore, al momento di andare in pagina, risultava irraggiungibile da ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case popolari: un incontro ed è bufera sull'assessore

LeccePrima è in caricamento