menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centrodestra, nuovo tavolo d’intesa. Murra e Barba attendono cenni dalla Lega

Su richiesta di Fratelli D’Italia si è svolto un nuovo incontro per verificare la possibile intesa della coalizione. FI e Movimento Regione Salento disponibili, i salviniani prendono tempo

GALLIPOLI - Si riallacciano, seppur timidamente, i legami d’intesa in casa del centrodestra gallipolino chiamato a verificare la possibilità di esprimere una coalizione credibile e alternativa alle compagini in itinere dei due candidati sindaco già ufficiali: l’uscente Stefano Minerva e il capogruppo di Gallipoli Futura, Flavio Fasano. Dopo gli appelli e gli inviti mediatici al confronto unitario il coordinatore cittadino di Fratelli D’Italia, Luca Murra, ha convocato nei giorni scorsi, presso la sede cittadina in via XX Settembre, una riunione tra i rappresentanti dei partiti del centrodestra in vista delle prossime elezioni amministrative.

Oltre allo stesso Luca Murra per Fratelli d’Italia, vi hanno partecipato anche Vincenzo e Antonio Barba per Forza Italia, Tommaso Provenzano per il Movimento Regione Salento e Giancarlo Padovano per la Lega. L’incontro, a quanto riferito dal coordinamento cittadino del partito di Giorgia Meloni e Raffaele Fitto, è stato cordiale e dopo un confronto aperto sui tanti problemi che attanagliano la città di Gallipoli si è affrontata la questione relativa alla presentazione di una coalizione unitaria di tutto il centrodestra, con un unico candidato sindaco.

Ogni gruppo ha fatto presente di essere già al lavoro per la preparazione di almeno una lista di partito, oltre ad alcune liste civiche di sostegno, e di avere già delle disponibilità per la candidatura a sindaco. Le ipotesi di riferimento su cui puntare comunque, non mancano: da Nicola Brunetti, a Vincenzo o Antonio Barba con Forza Italia, a Luca Murra (Fdi), allo stesso Giancarlo Padovano in quota Lega. O anche una figura aggregante al femminile.

Al termine della discussione FdI, FI e Movimento Regione Salento hanno dato la propria disponibilità a presentarsi uniti alle prossime elezioni amministrative con un unico candidato sindaco e solo la Lega si è riservata di comunicare la propria decisione. I rumors cittadini già da tempo indicano una volontà non manifesta proprio degli esponenti della Lega per una eventuale corsa, con civiche di riferimento, e in accordo con uno dei candidati sindaco già in campo. Ma ora il nuovo confronto interno ai partiti del centrodestra rimette in auge nuove ipotesi di dialogo e convergenza. Non prende quota però l’ipotesi di ricorrere alle primarie interne come pure i salviniani avevano prospettato.

“Ho visto tanta buona volontà di creare una coalizione di centrodestra” riferisce Luca  Murra, “e questo fa ben sperare per il futuro e sono convinto che alle prossime amministrative saremo presenti tutti uniti e compatti. Adesso lavoreremo per un programma che dia rilancio alla nostra città e che serva a risolvere i tanti problemi che ci sono. Poi individueremo un candidato sindaco che ci rappresenti tutti quanti”.

“Sono soddisfatto dell'incontro che è avvenuto insieme ai coordinatori delle forze di centrodestra” gli fa eco Tommaso Provenzano, responsabile cittadino del Movimento Regione Salento, “alle disponibilità già note del Movimento Regione Salento e Fratelli d'Italia ad esserci a prescindere alle prossime elezioni amministrative, apprendo con entusiasmo anche la disponibilità di Forza Italia. Relativamente alla Lega, nonostante si sia riservata di decidere previo confronto con le segreterie del partito, sono fiducioso sulla loro adesione ad un progetto forte, serio e programmatico, che solo il centrodestra unito può garantire alla nostra città, così come già avviene in tante altre realtà del nostro paese”.

Il coordinatore cittadino di Fratelli D’Italia si è fatto ora carico di convocare un’altra riunione nella  prossima settimana per affrontare le questioni relative alla stesura di un programma e al percorso da seguire per individuare il candidato sindaco che possa rappresentare tutto il centrodestra. In caso contrario le manovre di riposizionamento, secondo i ben informati, sarebbero già in auge con possibili accordi trasversali e appoggi per un governo di “salute pubblica” alla stregua di quanto avviene a livello nazionale (dal Pd alla Lega) con il supporto al nuovo governo Draghi.          

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento