Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica Provinciale Trepuzzi- Casalabate

Per l'abbazia di Cerrate una nuova vita sotto la gestione del Fai

Presentato, questa mattina a Palazzo Adorno, il programma di affidamento dell'abbazia di Cerrate, al Fondo ambiente italiano. Per i prossimi trenta anni, il complesso architettonico sarà gestito dalla fondazione privata

Un'immagine dell'abbazia

SQUINZANO - Leggenda vuole che, dentro quelle mura, la Madonna sia apparsa a re Tancredi, conte di Lecce, fra quelle corna di cervo che poi avrebbero dato il nome "Cervate". Oggi, invece, Ilaria Borletti Buitoni, presidente del Fai, si è presentata, assieme ad una delegazione, dal principale inquilino di Palazzo dei Celestini,  Antonio Gabellone. Dall'ultima invasione ottomana, alla più recente "colonizzazione" milanese. Da un lato, l'alienazione di alcuni, esclusivi gioielli di famiglia. Dall'altro, l'affidamento, in concessione di servizi, dell'abbazia di Santa Maria di Cerrate. Uno dei complessi architettonici più studiati, che svetta sulla strada che congiunge Trepuzzi a Casalabate. Attraverso un bando pubblicato nel mese di agosto  dalla Provincia di Lecce - che ha acquisito l'area di interesse archeologico già dal 1965 - che si è concluso  appena un mese addietro, con l'affidamento della struttura al Fai, il Fondo ambiente italiano.DSC_9394-2

Un'eredità pubblica ceduta ad un ente che,  per quanto autorevole e prestigioso, con i suoi 80 mila sostenitori su tutto il territorio nazionale, utile rammentarlo, è pur sempre privato. Il passaggio di testimone è stato presentato questa mattina, a Palazzo Adorno, davanti alla squadra di esperti, giunti dal capoluogo lombardo, alla presenza della vice presidente della Provincia di Lecce, Simona Manca e dell'assessore alla gestione e valorizzazione del patrimonio, Pasquale Gaetani.

Un dettagliato dossier è stato presentato dagli esperti del Fai, che ne hanno illustrato tutte la fasi di recupero del complesso, attualmente sede del Museo delle Tradizioni popolari del Salento. Che, a detta della presidente  Borletti, "versa già in un buono stato, al contrario di altri monumenti del quale si occupa il Fai. Aspetto prioritario sarà la riqualificazione di tutta l'area intorno". Comunicazione, promozione e visite guidate costituiranno la strategia primaria per il rilancio dell'abbazia, che diverrà sede esclusiva di eventi culturali e che verrà aperta al pubblico , dal mercoledì alla domenica.

 

 

 

 

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per l'abbazia di Cerrate una nuova vita sotto la gestione del Fai

LeccePrima è in caricamento