Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica

Rifiuti, tracollo della frazione organica. La replica dal Comune: "Problema di impianti"

In tre mesi, secondo il portale della regione, il quantitativo si è ridotto di quasi 20 volte. Dal dirigente del settore Ambiente la replica

Antonio Rotundo.

LECCE - Un crollo da tra giugno e agosto e poi il black out: una questione sostanziale e una formale sulle quali il consigliere del Pd, Antonio Rotundo, ci vuol vedere chiaro.

Da una parte la quantità di frazione organica raccolta nel Comune di Lecce e conferita negli impianti di compostaggio è diminuita di circa 20 volte nell'arco di tre mesi secondo il portale della Regione Puglia, dall'altra i dati relativi alla raccolta differenziata sono fermi all'estate, nonostante l'obbligo di comunicazione, in realtà disatteso da molte altre amministrazioni.

L'esponente democratico ha rimarcato il passaggio dalle mille tonnellate di umido nel mese di giugno alle 57 di agosto. Una quantità che Rotundo legge insieme a quella relativa al residuo secco: mille e seicento tonnellate a giugno, quasi tremila ad agosto. Variazioni, di segno diverso, ma di entità simile e che portano dritti alla domanda: dov'è finito l'umido raccolto dai leccesi, se al centro di compostaggio ne è arrivato così poco? Il quesito è tanto più urgente, ha dichiarato il consigliere di minoranza, se si considera che nel 2016 il costo del servizio di raccolta dei rifiuti, rispetto all'anno precedente, è lievitato di 3,3 milioni fino ad arrivare a poco meno di 24.

Secondo il dirigente del settore Ambiente, Fernando Bonocuore, non c'è alcun mistero o sotterfugio: "La risposta è molto semplice - replica -. La Regione non è dotata di impianti pubblici per l'umido, gli unici quattro privati vengono contesi dai 350 comuni pugliesi. Fino ad agosto siamo andati a conferire a Modugno (Terzan), poi a Ginosa (Jonica Servizi) ma la ditta che gestisce l'impianto ha esaurito le quantità a disposizione. Abbiamo quindi fatto due gare, andate praticamente deserte e nel frattempo la frazione umida è stata lasciata nell'impianto di biostablizzazione. Dal 17 gennaio la porteremo nuovamente a Ginosa, perchè quell'azienda è l'unica che si è detta disponibile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, tracollo della frazione organica. La replica dal Comune: "Problema di impianti"

LeccePrima è in caricamento