menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiude anche l’ufficio postale di Boncore. Nuova interrogazione di Bellanova

La deputata salentina del Pd chiede l'intervento del ministro Passera sul riordino delle sedi di Poste italiane sul territorio: la chiusura di quella nella frazione neretina aumenta disagi e malcontento tra residenti e turisti

LECCE - Il problema del riordino delle sedi degli uffici postali, operato da Poste italiane in provincia di Lecce, ancora al centro di un’altra interrogazione parlamentare a firma della deputata salentina del Pd, Teresa Bellanova, e rivolta al Ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera. Tra i diversi uffici postali che sono stati oggetto di chiusura sul territorio, vi è anche quello sito a Boncore, frazione di Nardò che raggruppa le utenze dei cittadini della stessa frazione e della più vicina località turistica,Torre Lapillo.

Bellanova sottolinea come vada crescendo il disagio dei cittadini residenti e dei turisti: “Molti di questi, infatti – si legge -, sono costretti a recarsi nelle località limitrofe per il disbrigo delle utenze. I più sfortunati, quali ad esempio anziani e disabili che sono impossibilitati a muoversi dalla località debbono essere costretti ad affidare questo compito a persone terze, quando riescono ad accoglierne la disponibilità”.  

La scelta di chiudere l’ufficio postale di Boncore avrebbe prodotto, quindi, non solo un malcontento tra la cittadinanza, ma sembrerebbe anche “essere un paradosso poiché a fronte dell’aumento demografico nella frazione, come si sottolinea sui media, vi è un drastico ridimensionamento dei servizi offerti”. “E questo – evidenzia -, in una località che peraltro ogni anno accoglie centinaia di turisti per tutto il corso dell’anno, grazie al clima mite che caratterizza il Salento”.

La deputata del Pd chiede al ministro se non ritenga di dover intervenire con urgenza convocando la  dirigenza di Poste Italiane ed “attivando un confronto con la stessa per rappresentare le difficoltà che il piano di riordino adottato sta determinato a carico dei cittadini di Boncore ed anche per quelli di molti altri centri del territorio salentino”: “Ciò – conclude - al fine di valutare per le motivazioni citate in premessa, una possibile riapertura dello stesso ufficio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento