Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica

Crisi della Fondazione Ico. Cisl: “Sollecitiamo l’intervento delle istituzioni”

Stallo dopo il vertice che si è tenuto in prefettura per risolvere la vertenza. Castrignanò di Cisl: "Azioni concrete perché l'orchestra possa riprendere la propria attività"

Foto di repertorio

LECCE – Cisl accende un faro sulla vertenza della Fondazione Ico Tito Schipa (partecipata totalmente dall’ente di Palazzo dei Celestini) che gestisce l’orchestra ed un calendario concertistico prestigioso per la provincia di Lecce. La Ico, è bene ricordarlo, è stata travolta da una crisi tale da far temere per la sua stessa sopravvivenza. Queste le tappe salienti della vertenza: la Fondazione non sarebbe stata messa al riparo dalle conseguenze della legge di riforma Delrio ed i musicisti, rimasti privi di un’occupazione e dello stipendio per 7 mesi, hanno subito l’apertura della procedura di licenziamento; l’amministrazione  ha anche perso la possibilità di accedere al Fondo unico per lo spettacolo (Fus) del 2015.

Cisl è quindi intervenuta  sollecitando le istituzioni al rispetto agli impegni assunti una settimana addietro nel corso di un vertice promosso dal prefetto di Lecce, Claudio Palomba: “È necessario ricostruire le condizioni perché il tavolo voluto dal prefetto si ricostituisca nel più breve tempo possibile- puntualizza il segretario provinciale Salvatore Castrignanò - . La vertenza della Fondazione Ico Tito Schipa sembra arenata a dispetto della disponibilità  assicurata da tutti i protagonisti nella riunione di qualche settimana addietro”.

“Provincia, Comune, Regione, organizzazioni sindacali   - spiega Castrignanò - avevano raccolto l’invito del dottor Palomba a trovare una soluzione fruttuosa. Ma, a distanza di diversi giorni e nonostante le rassicurazioni ricevute sulla volontà di mantenere in vita la prestigiosa Fondazione, al momento tutto sembra essersi arenato. Una mancata svolta positiva nella vicenda costituirebbe un gravissimo danno per i lavoratori e uno smacco per la città che ha avuto, e continua ad avere, ambizioni culturali di livello. Invitiamo, dunque  il presidente Gabellone, il sindaco Paolo Perrone, l’assessore regionale Loredana Capone a sostenere l’azione prefettizia, rimuovendo qualsiasi ostacolo che stia impedendo alla Tito Schipa di riprendere la propria attività”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi della Fondazione Ico. Cisl: “Sollecitiamo l’intervento delle istituzioni”

LeccePrima è in caricamento