Politica Calimera

Venti minori stranieri cittadini onorari di Calimera: integrazione contro la paura

Venerdì 20 novembre, nell'anniversario dell'adozione della Convenzione sui diritti dell'infanzia, consiglio comunale monotematico: prevista la firma del protocollo d'intesa con Unicef per l'adesione al Programma internazionale città amiche delle bambine e dei bambini

Il municipio di Calimera.

CALIMERA – In occasione dell’anniversario dell’adozione da parte dell’Assemblea generale della Nazioni Unite della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza – 20 novembre 1989 -, il Comune di Calimera concede la cittadinanza onoraria a 20 minori residenti nella città della Grecìa Salentina.

La cerimonia è prevista per domani, venerdì 20 settembre, nel corso di un consiglio comunale monotematico nel quale sarà ratificata l’adesione dell’ente al Programma internazionale Città amiche delle bambine e dei bambini attraverso la sottoscrizione di un protocollo d’intesa con Unicef.

Sono previsti gli interventi del sindaco dei ragazzi, Nicolò Sicuro, della dirigente dell'istituto comprensivo Piera Ligori, della presidente del Comitato Unicef di Lecce, Giovanna Perrella e di cittadini, associazioni e famiglie invitati a partecipare. “È solo l'avvio di un percorso che ci auguriamo molto lungo e proficuo con i nostri concittadini. È l'impegno di metterci assieme in cammino per la costruzione di una società pacifica e inclusiva dove tutte le persone di tutte le nazionalità possano sempre sentirsi libere e a casa” ha dichiarato la prima cittadina, Francesca De Vito.

“Abbiamo costruito questo percorso convocando ad ottobre il consiglio comunale dei ragazzi, ascoltando le loro opinioni e i loro suggerimenti” ha spiegato Virginia Panese, assessore alla Partecipazione.

“Condivisione è la parola chiave – ha sottolineato Serenella Pascali, che ha la delega al Welfare -, condivisione e non solo partecipazione, perché riteniamo che la cosa pubblica sia cosa di tutte e di tutti e il percorso che si inaugura domani è solo lo start up di una comunità che si candida ad essere realmente inclusiva e a misura di bambine e bambini”. L’iniziativa dell’amministrazione comunale ha ricevuto il plauso dell’associazione Polemonta – Casa della Sinistra che sottolinea come la decisione del governo cittadino, alla luce dei fatti di Parigi, assuma un significato ancora più nobile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venti minori stranieri cittadini onorari di Calimera: integrazione contro la paura

LeccePrima è in caricamento