"Cittadini confermano Berlusconi". Ne è convinto Pdl

Rocco Palese parla di risultati importanti arrivati dai gazebo, mentre sale l'attesa per il voto di fiducia: "Migliaia di leccesi hanno firmato". Tiene ancora banco il futuro dell'alta velocità

Il consigliere Pdl di opposizione alla Regione Rocco Palese
LECCE - "Meno male che Silvio c'è". Il Pdl continua a cantare il refrain del jingle berlusconiano per eccellenza, in queste ore di frenesia e di attesa, che anticipano il voto di martedì prossimo in Parlamento. Qualcuno inizia a pensare che si farà tanto rumore per nulla, tra falchi e colombe che cercano un'intesa, numeri che ballano e un governo Berlusconi, in evidente crisi ad ogni livello, ma comunque tenuto in vita da giochi controversi consumati nelle Camere delle istituzioni.

Intanto i popoli di destra e di sinistra (o meglio di centro-destra e centro-sinistra) si affrontano a distanza, con prove muscolari, che servono a ribadire quanto sia forte l'uno e quanto l'altro. Col risultato di non riconoscersi reciprocamente le rispettive debolezze. Ieri, Pierluigi Bersani ha portato il Pd in piazza, lasciando a casa gli scomodi alleati, che "tirano ogni giorno per la giacca": una prova muscolare, che tuttavia non appare determinante per quello che si consuma esclusivamente nelle stanze dei bottoni.

Oggi, invece, è il turno del Pdl: i seguaci del Cavaliere lo difendono a spada tratta a colpi di gazebo e di firme a sostegno di una fiducia, che, secondo le logiche berlusconiane, si basa solo ed unicamente sul consenso popolare, anche se espresso nella maniera più semplicistica possibile. E anche a Lecce e nel resto del territorio pugliese, è andata in scena la crociata pro Berlusconi, coi fedelissimi decisi a difendere le "buone azioni" e i "risultati" del governo. Entusiasta, ad esempio, Rocco Palese, capogruppo Pdl alla Regione, che dichiara: "Da Lecce e dalla Puglia grande conferma di sostegno al governo Berlusconi. Migliaia i cittadini leccesi che questa mattina si sono fermati con noi al gazebo in piazza per firmare il loro convinto Sì al Governo Berlusconi".

"Le bugie del Pd - prosegue - e della sinistra hanno le gambe corte e i cittadini lo sanno, soprattutto in Puglia. Ieri a Roma Bersani invocava maggiori aiuti alle famiglie e alle piccole imprese e a Bari il suo partito chiedeva l'aumento delle tasse regionali, certamente per alimentare quei fiumi di sprechi di cui la Giunta Vendola ormai è campionessa. L'entusiasmo che abbiamo riscontrato questa mattina da parte dei cittadini leccesi ci ha dato la conferma che una cosa sono i giochetti di palazzo, altra cosa è quello che vuole la gente che non arriva a fine mese: i cittadini vogliono essere governati e non capiscono perché, avendo scelto di essere governati da Berlusconi per 5 anni, la politica voglia rimettere tutto in discussione".

E tra Pd e Pdl, spunta anche l'Udc, che con il suo leader nazionale, Pierferdinando Casini, ha già annunciato la 38ima sfiducia al governo, mentre Salvatore Negro, capogruppo a Viale Capruzzi, continua a chiedere lumi sull'alta velocità, dopo le dichiarazioni di Berlusconi, che ha sostenuto che questa si fermerà a Bari, contraddicendo il Ministro Fitto che ha assicurato l'arrivo fino a Lecce e Taranto.

"Dimenticanza o refuso del Presidente Berlusconi? - chiede il capogruppo Udc - O quelli di Fitto sono gli ennesimi annunci da campagna elettorale? Noi stiamo ai fatti e i fatti ci dicono che nella Finanziaria non c'è alcun capitolo che preveda l'Alta velocità nel tratto tra Bari, Taranto e Lecce. Come dire: il progetto è solo nelle buone intenzioni del governo; ma le buone intenzioni servono a poco se non supportate da fatti concreti".

"È la stessa sensazione che abbiamo per il Piano per il Sud in generale - rincara Negro - che appare sempre più un balletto di cifre, sempre le stesse, che cambiano solo postazione. Non abbiamo ancora compreso, tanto per cominciare, se sono 100 i milioni come dice il governo, o 75 come dice lo Svimez. Abbiamo solo compreso, invece, che la programmazione di queste cifre è stata trasferita dalle regioni al governo centrale, alla faccia del tanto sbandierato federalismo che assegna più risorse solo al Nord del paese e lascia il governo centrale a decidere del destino del Sud".
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutti contenti e felici, tra adunate di piazze a ritmo di Neffa e gazebo con jingle a manetta autocelebrativi. In attesa del colpo di teatro di martedì e di nuovi scontri su attese tradite e risultati ottenuti, il cittadino comune resta a guardare, non trovando grande conforto in questo bailamme. Ride e si fida di più, pescando tra le sue battute celebri, di Corrado Guzzanti: "Io faccio un ragionamento molto semplice: In questo paese il centro-destra ha fallito, il centro-sinistra ha fallito ma forse è il centro che porta sfiga".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento