Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

Avviso bonario e strisce blu, il Codacons: "I leccesi stiano attenti"

La portavoce delle associazioni a tutela dei consumatori ha denunciato il menefreghismo dell'amministrazione su alcune problematiche legate al traffico. La gestione dei parcheggi, il principale motivo del malcontento

Immagine di repertorio

LECCE - Dura le parole giunte in una nota del Codacons. Il traffico cittadino è l'oggetto del malcontento che ha spinto il coordinamento delle associazioni a tutela dei diritti dei consumatori a denunciare la situazione relativa al cosiddetto "avviso bonario". L'idea, introdotta da Palazzo Carafa nel 2006, consente di pagare la multa dovuta alla scadenza del ticket del parcheggio, in "versione ridotta", invece della cifra intera. Una soluzione che ha fatto risparmiare migliaia di euro ai cittadini leccesi, e non ha danneggiato le casse del Comune, portando ad una diminuzione dei ricorsi. Ma ora, dopo sei anni,  potrebbe essere ritirata.

"Uno strumento che in questi anni ha funzionato benissimo, è in linea con il contenuto della legge, non ha creato scandalo o decisioni giurisprudenziali contrastanti, aiuta il cittadino onesto ad adempiere alle proprie necessità con la tranquillità di evitare una esosa sanzione amministrativa, sotto quest’ultimo punto di vista aiuta il commercio cittadino, per cui non si comprende perché il Comune di Lecce si ostini, tranne qualche coerente voce dissenziente quale il consigliere Martella (Roberto, ndr), a voler eliminare uno strumento che in questi anni ha ampiamente dimostrato la propria buona efficacia", ha dichiarato la portavoce, Luisa Carpentieri.

Inoltre, ciò che proprio non va giù all'avvocato leccese, sta nel fatto che il neo assessore al Traffico, Luca Pasqualini, non abbia affrontato "l'annoso problema del traffico in città, o l’assoluta irregolarità e pericolosità delle strisce pedonali su cui ormai falcidiano i pedoni di Lecce, o il potenziamento del servizio pubblico e si potrebbe continuare. Fa specie che uno dei primi atti messi in campo sia stato quello di eliminare le tariffe agevolate per gli studenti e subito dopo la malsana idea di eliminare l'avviso bonario".

La raccomandazione della portavoce dell'esponente del Codacons è chiaro: "Attenta Lecce, vogliono mettere le mani nelle tue tasche e magari vogliono usare questi soldi per pagare i loro gettoni di presenza nelle importanti commissioni consiliari convocate per discutere, magari per ore ed ore, non del miglioramento delle tue condizioni di vita o del traffico, non degli attraversi pedonali insicuri ed irregolari, ma di come trovare il modo di metterti ancora le mani in tasca. Ci appelliamo al buonsenso dei consiglieri comunali", ha concluso.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avviso bonario e strisce blu, il Codacons: "I leccesi stiano attenti"

LeccePrima è in caricamento