Sabato, 25 Settembre 2021
Politica

Forza Italia vara il suo comitato per il referendum: "Un no che vale doppio"

Il coordinatore provinciale ha istituito la squadra per diffondere e sostenere le ragioni dell'opposizione alla proposta di riforma costituzionale

LECCE - In vista del referendum costituzionale, il coordinatore provinciale di Forza Italia ha istituito il comitato ufficiale del partito per il "no". Il fronte degli oppositori alla consultazione voluta dal governo per introdurre delle modifiche alla carta costituzionale è ampio e variegato: Renzi dovrà guardarsi da destra, ma anche da sinistra, con le formazioni alla sinistra del Pd fortemente contrarie alle riforme.

Il comitato referendario di Forza Italia è composto dallo stesso Paride Mazzotta, da Filomena D’Antini in qualità di vice presidente, dal capogruppo di Forza Italia alla Regione Puglia Andrea Caroppo, dalla vice coordinatrice regionale del partito Federica De Benedetto, dal vice coordinatore provinciale Roberto Nitto, dall’assessore comunale a Lecce Nunzia Brandi e dai consiglieri comunali Vittorio Solero e Giuseppe Ripa, dal vice presidente della Provincia di Lecce Fernando Coppola, dal responsabile provinciale degli enti locali Luigi Caroppo, da quello provinciale dei giovani di Forza Italia, Brizio Maggiore, dal coordinatore cittadino Nicola De Filippis, dalla senatrice Adriana Poli Bortone e dal senatore Rosario Giorgio Costa, e infine dai componenti della giunta provinciale del partito Gianni Marra, Fernando Tarantino e Aldo Aloisi.

Alla campagna per il "no" parteciperanno attivamente sindaci come Giancarlo Mazzotta di Carmiano e Raffaele Stasi, primo cittadino di Taurisano, e a tutti gli amministratori e i coordinatori cittadini azzurri a cui è affidato l’incarico di istituire comitati ad hoc in tutta la provincia e organizzare una serie di iniziative e incontri utili a chiarire ai cittadini le ragioni del voto contrario in occasione del referendum.

“La consultazione referendaria di ottobre – ci tiene a specificare il coordinatore provinciale Mazzotta – ha una doppia valenza. Forza Italia, in primo luogo, intende difendere la Costituzione da una riforma che nasce già fallita ed è stata bocciata da quasi tutti i costituzionalisti italiani. Il no al Referendum, tuttavia, rappresenta un no al governo Renzi che sta calpestando i legittimi interessi del Paese e degli italiani. Ad oggi il fronte del No è al 52 per cento e la forbice tende ad allargarsi. Per questo ora occorre il massimo impegno e la più ampia mobilitazione. Il nostro comitato sarà a disposizione di tutti i partiti e i movimenti che si riconoscono nel centrodestra e che intendono mandare a casa questo governo abusivo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forza Italia vara il suo comitato per il referendum: "Un no che vale doppio"

LeccePrima è in caricamento