Da comunali a statali: si prepara il passaggio di competenze su scuole di infanzia

Sono quattro e ospitano il 16 percento dei bimbi tra i 3 e i 6 anni. L'assessora Fabiana Cicirillo rassicura sulla continuità dei cicli e sul mantenimento delle sedi. Iscrizioni al momento ancora ferme

L'assessora Fabiana Cicirillo.

LECCE – È in fase di preparazione una delibera di giunta per il trasferimento progressivo delle competenze sulle scuole comunali di infanzia da Palazzo Carafa allo Stato.

Va premesso che le quattro strutture attuali – Cappuccetto Rosso, Topolino, Banda Bassotti e Istituto Saraceno – ospitano il 16 percento del totale dei bimbi nella fascia di età interessata (da 3 a 6 anni). Tutti gli altri frequentano scuole statali (o private).

In attesa delle decisioni finali, sono in corso interlocuzioni con i dirigenti scolastici per la definizione delle soluzioni migliori e dei tempi di attuazione: intanto l’assessora Fabiana Cicirillo, interpellata da Lecceprima, ha cercato di mandare un messaggio rassicurante. Non ci sarà alcuna interruzione del servizio, perché tutti i cicli in corso saranno garantiti fino al completamento, ne è previsto un trasferimento fisico delle sedi (un discorso a parte va fatto per l’Istituto Saraceno, affidato alle suore).

Il passaggio delle competenze sarebbe stato indotto da alcune considerazioni. Dal punto di vista pedagogico le scuole comunali apparirebbero, oramai, abbastanza avulse dal contesto verticale di istruzione obbligatoria, cui sono di fatto introduttive. In secondo luogo pesa l’impossibilità, per il Comune, di ricorrere al turn-over del personale interno in modo da coprire il fabbisogno dopo i pensionamenti che si susseguono; d’altra parte le condizioni finanziarie dell’ente rendono sempre più problematico il ricorso, come fatto fino a ora, agli affidamenti annuali che hanno consentito il mantenimento degli standard.  

Una certa preoccupazione è sorta in alcuni genitori, sorpresi di non poter procedere alle iscrizioni on-line come accaduto negli ultimi anni: il motivo risiederebbe dunque in questo nodo che dovrebbe essere sciolto a breve. Domani pomeriggio è in programma un incontro presso l’assessorato alla Pubblica Istruzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Scuola, in arrivo una nuova ordinanza: Ddi al 100 per cento per una settimana

  • Squarcio di due metri nella strada: betoniera passa, autopompa sprofonda nel vicolo

Torna su
LeccePrima è in caricamento