Lunedì, 21 Giugno 2021
Politica

Comuni frenano gara per gestore unico del servizio Rsu

Otto sindaci dell'Ato Lecce 1, dinanzi alle incertezze circa il futuro degli ambiti ottimali, con la paventata crescita dei costi del servizio, uniscono le forze per chiedere garanzie e tutelarsi

Foto-61

COPERTINO - Otto comuni dell'Ato Lecce 1 si mettono insieme per chiedere uno stop all'avvio del servizio di raccolta trasporto degli Rsu a cura dell'ambito territoriale, a causa dei costi elevati del servizio e delle incertezze sul futuro dell'Ato. Di questo e di altro ancora si è discusso ieri sera presso la sede municipale di Copertino, in una riunione, a cui erano presenti i sindaci dei comuni di Copertino, Guagnano, Porto Cesareo, San Pietro in Lama, Squinzano, Surbo, Trepuzzi e Veglie.

Insieme hanno esaminato la situazione, venutasi a creare in seno all'Ato Le/1, che starebbe, secondo i primi cittadini, inspiegabilmente accelerando sull'avvio della gara per individuare un gestore unico per ben nove anni sulla base di un progetto di servizio di raccolta e trasporto che presenterebbe numerose incognite, ad esclusione della certezza sui costi a carico delle singole comunità (e quindi dei cittadini), che, invece, sarebbero destinati a crescere in maniera esponenziale, in alcuni casi anche di oltre il 50% rispetto all'attuale canone, pagato da ciascun ente alla ditta affidataria.

Il tutto in una situazione che vede notevole incertezza sul futuro stesso degli Ato, che in base alla legge 42 del 2010, così come modificata dal decreto del 25 marzo 2011, dovranno scomparire a far data dal 31 dicembre prossimo, mentre la Regione Puglia provvederà non prima di settembre a formalizzare nella propria programmazione a chi spetterà dare indirizzi per le modalità di espletamento dei servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani e a chi spetterà, invece, la gestione vera e propria e quindi la competenza ad individuare la ditta affidataria degli stessi.


Alla luce di queste circostanze, i sindaci degli 8 comuni hanno richiesto con urgenza al presidente dell'Ato Le/1 di "non procedere nell'iter di approvazione del progetto relativo alla gestione unitaria dei rifiuti solidi urbani". Nel contempo, hanno sottolineato che "ogni comune si riserva di comunicare le iniziative che intende intraprendere per garantire il corretto espletamento del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei Rsu anche eventualmente in forma autonoma".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comuni frenano gara per gestore unico del servizio Rsu

LeccePrima è in caricamento