Negramaro in concerto. Cauzione da mezzo milione per tutelare il “Via del Mare”

Il sindaco, Paolo Perrone, garantisce su Facebook che l'atteso evento, in programma il 26 di luglio, si farà. L'Us Lecce teme danni soprattutto al terreno di gioco, come già avvenuto. Salvemini interviene: "Basta leggere la convenzione per l'uso"

Concerto dei Negramaro al Politeama Greco di Lecce.

LECCE – Sono bastate poche parole del sindaco per scatenare l’entusiasmo di centinaia di fan: “Il concerto dei Negramaro al “Via del Mare” si farà. L’asserzione, comparsa sul profilo Facebook del primo cittadino, vorrebbe mettere fine alla divergenza di opinione maturata con l’Us Lecce che allo stadio rinuncia sempre malvolentieri per eventi di massa, considerando che ogni anno deve fare poi i conti con la situazione disastrata del terreno di gioco. Non è un caso, del resto, che mister Franco Lerda, abbia detto nel corso della stagione che il manto erboso dello stadio leccese sia uno dei peggiori della Prima divisione.

Savino Tesoro, presidente del club giallorosso, è stato chiaro: lo stadio deve essere agibile dal punto di vista sportivo, così come verrebbe consegnato. Tra la società di Piazza Mazzini e Palazzo Carafa non tira certo aria di muro contro muro, perché se Paolo Perrone, da una parte, non vuole rinunciare all’idea dello storico concerto con la band salentina, in calendario per il 26 di luglio, dall'altra è consapevole che il Lecce, del quale si è sempre dimostrato acceso tifoso, non è una squadra dilettantistica, con migliaia di sostenitori che pagano il biglietto o l’abbonamento e che hanno diritto ad una struttura efficiente.

Secondo Carlo Salvemini, capogruppo di Lecce Bene Comune, la situazione non è poi così complicata. Basterebbe leggere, dice, la convenzione che regola i rapporti tra Usl ecce e Comune per l’utilizzo dello stadio. L’articolo 5, infatti, così recita: “L’amministrazione comunale si riserva il diritto di autorizzare l'uso dello stadio per l’effettuazione di manifestazioni (sportive, artistiche, culturali e altro) nei giorni e negli orari che saranno per tempo resi noti alla concessionaria, purché tali manifestazioni non rechino intralcio alle attività ufficiali della concessionaria ed alla manutenzione della struttura”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Durante tali manifestazioni organizzate da terzi sul manto erboso – prosegue la convenzione - non potranno essere installati manufatti di ogni genere salvo che non vengano predisposti adeguati accorgimenti tecnici approvati della concessionaria e con l'obbligo del terzo di ripristinare il manto erboso nelle stesse identiche condizioni di cui al verbale di consegna previo deposito di apposita ed adeguata garanzia fideiussoria bancaria che comunque non dovrà essere inferiore ad euro 500mila euro”. Una cifra che non dovrebbe essere impossibile per chi, di solito, organizza eventi che richiamano decine di migliaia di persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento