rotate-mobile
Politica

Condizioni carceri e disagi Polizia penitenziaria: Capone interroga il ministro

Lunedì la protesta degli agenti del carcere di Borgo San Nicola dinanzi ai cancelli della casa circondariale: oggi l'interrogazione a firma del parlamentare salentino del Pd, in cui ribadisce le difficoltà emerse nelle denunce

LECCE - Lunedì scorso la protesta degli agenti di Polizia penitenziaria del carcere di Borgo San Nicola dinanzi ai cancelli della casa circondariale e la denuncia delle “condizioni di difficoltà e invivibilità in cui sono costretti gli organici, con dotazioni di uomini palesemente insufficienti, mezzi di trasporto obsoleti, straordinari non ancora remunerati dal 2008”. Oggi l’interrogazione al Ministro Orlando presentata dal deputato Pd, Salvatore Capone, a partire dalle questioni sollevate a Lecce.

Nel testo si chiede: “Quali iniziative il Ministro voglia intraprendere dinanzi a un quadro così articolato per venire incontro alle esigenze dei corpi di polizia penitenziaria e, nello specifico, rafforzare il corpo di Polizia penitenziaria di Borgo San Nicola a Lecce; quali iniziative il Ministero voglia intraprendere dinanzi alla richiesta espressa dagli organismi di rappresentanza dell’istituzione di un dipartimento di Polizia penitenziaria o, in subordine, del passaggio al Ministero degli Interni; quali iniziative il Ministro abbia già intrapreso o voglia intraprendere rispetto all’attuazione di quanto deciso dalla Consulta in merito alla Fini-Giovanardi, ultimo punto, anche in previsione del fatto che andrebbe ad incidere in maniera non marginale sul numero della popolazione carceraria e del sovraffollamento delle carceri”.

Nell’interrogazione, il parlamentare democratico sottolinea sia le difficoltà e i disagi emersi a Lecce che quanto denunciato a livello nazionale dal segretario confederale Cgil e dal segretario della Fp Cgil a proposito dell’emergenza suicidi proprio tra la Polizia penitenziaria, e al sottodimensionamento degli organici. Che, secondo le organizzazioni di rappresentanza, sull’intero territorio nazionale è di circa 7mila unità in meno. Dato presente anche nella Relazione della II commissione permanente (relatore Ferranti) sulle tematiche oggetto del messaggio del presidente della Repubblica trasmesso alle Camera il 7 ottobre 2013, dove si legge: “A fronte di un organico tabellare fissato a 45.121 unità, risultano attualmente presenti 39.021 unità, mentre nel settembre 2013 sono state autorizzate – limitatamente alle previste riduzioni dovute al turn over – le assunzioni di 334 vice ispettori e di 221 agenti di polizia penitenziaria”.

“La Camera - dichiara Salvatore Capone - il mese scorso ha approvato il Decreto Carceri, “nell’urgenza di tutelare i diritti fondamentali delle persone detenute e di ridurre in modo controllato la popolazione carceraria. Nel frattempo le condizioni di vita in carcere presentano notevolissime criticità. Condizioni della popolazione carceraria ma anche degli operatori penitenziari. Quanto denunciato a Lecce vale per l’intero Paese. E ha bisogno di risposte immediate. Recentemente proprio il Ministro Orlando ha affermato che per rispondere all’emergenza carceri sono necessari interventi puntuali, non ulteriori mega-piani, che spesso finiscono nel dimenticatoio. Io mi auguro, e sono certo, che proprio in modo puntuale possano arrivare risposte anche a quanto chiesto dagli Agenti penitenziari. Per una qualità differente, migliore, e più umana, nella vita nelle carceri”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condizioni carceri e disagi Polizia penitenziaria: Capone interroga il ministro

LeccePrima è in caricamento