Erio Congedo lascia Palazzo Carafa: al suo posto ritorna Antonio Finamore

Consigliere regionale dal 2000, nell'ultima tornata non ha centrato la riconferma. È stato candidato sindaco del centrodestra nel 2019. L'impegno politico continua, da definire, però, in che veste

Erio Congedo.

LECCE - Sono state protocollate nelle scorse ore le dimissioni di Erio Congedo da consigliere comunale: nel maggio del 2019 affrontò in veste di candidato sindaco del centrodestra la tornata delle amministrative, perdendo la sfida con Carlo Salvemini per il centrosinistra.

Al suo posto, a Palazzo Carafa, subentra il primo dei non eletti, Antonio Finamore, che, divenuto consigliere, con il gruppo Prima Lecce fu protagonista di una operazione di sostegno alla prima amministrazione Salvemini, dopo la sentenza del Tar che nel 2018 attribuì la maggioranza al centrodestra (determinando così la cosiddetta anatra zoppa).

Consigliere regionale per quattro mandati - in tre come primo degli eletti della lista -, Congedo nelle elezioni della scorsa settimana, vinte da Michele Emiliano, non ha centrato la riconferma, piazzandosi al secondo posto della lista di Fratelli d'Italia, dietro Antonio Gabellone, già presidente della Provincia di Lecce.

"È una decisione meditata che ho assunto per ragioni esclusivamente personali - ha scritto il diretto interessato in una breve nota arrivata  in redazione alle 11.24 di questa mattina -. Ai tanti che mi sono stati vicini, anche nelle ultime elezioni regionali, ribadisco la più sentita gratitudine e soprattutto la rassicurazione che l’impegno per la mia terra e per Fratelli d’Italia, seppur con ruoli diversi, continuerà con l’intensità e la passione di sempre". Di certo, qui il riferimento alle ragioni personali, ha influito sulla decisione di Congedo la volontà di ritornare a tempo pieno alla sua attività professionale (quella commercialista), a lungo trascurata per gli impegni dettati dal suo ruolo di consigliere, presidente di commissione (a Bari) e coordinatore del partito.

Congedo, nella tornata del 20 e 21 settembre scorsi, ha ottenuto 7.304 preferenze (2.803 a Lecce), un risultato al di sotto degli standard delle tornate precedenti e che, a caldo, aveva commentato con orgoglio, ma anche tradendo una certa amarezza: "Mai come questa volta ho sentito la forza e l'affetto di tante persone che hanno scelto di sostenermi in questa campagna elettorale. Grazie, perché non era dovuto...e le cose fatte con spontaneità e con il cuore, comunque sia andata, restano le più belle". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo al business della droga a Melissano: all’alba 23 in manette

  • Puglia, positivo il 13 per cento dei tamponi. Un cluster a Castrignano de' Greci

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: otto anni al padre e allo zio

  • Notte di terrore: entrano in casa in quattro, uomo bloccato e rapinato

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Muro abbattuto da braccio della betoniera, investiti studenti: muore in ospedale 22enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento