Ordine pubblico, Congedo ringrazia apparato di sicurezza: “Efficienza operativa”

Il consigliere regionale del gruppo Pdl-Forza Italia ha scritto al prefetto per manifestare la propria gratitudine per la professionalità dimostrata nella gestione del teso fine settimana. Giovedì sera la polizia ha presidiato la sua abitazione

Polizia schierata al corteo di sabato.

LECCE – E’ stato al centro delle polemiche di questi giorni: la sua partecipazione al raduno nazionale di CasaPound – insieme a quella dell’ex sindaco Adriana Poli Bortone – non è certo piaciuta al centrosinistra che gli aveva chiesto di non legittimare con la propria presenza la festa del movimento neofascista. L’Anpi ha giudicato vergognosa la sua scelta e quella dell’ex sindaco e volto storico della destra già missina, Adriana Poli Bortone, di accettare l’invito di Cpi e giovedì scorso la polizia ha ritenuto di presidiare per alcune ore la sua abitazione, probabilmente temendo qualche contestazione.

Oggi Erio Congedo, consigliere regionale del gruppo Pdl – Forza Italia, torna sul teso fine settimana ma solo per esprimere, con una lettera al prefetto, Giuliana Perrotta, e al questore, Antonio Maiorano, la propria gratitudine alla forze dell’ordine e ai vari corpi dello Stato.

“In qualità di consigliere regionale e quindi di rappresentante istituzionale del territorio, anche a stretto e diretto titolo personale,  certo di interpretare il sentimento di tanti salentini, anche se non di tutti, sento di doverle esprimere il più motivato apprezzamento per la professionalità con la quale le forze dell’ordine hanno garantito l’ordine pubblico a Lecce in un fine settimana delicato, per le note vicende connesse alla manifestazione di CasaPound e alle contromanifestazioni peraltro in concomitanza con eventi sportivi”. 

“Dirigenti e agenti della polizia di Stato, ufficiali e carabinieri, dirigenti e operatori degli altri corpi dello Stato e della polizia locale impegnati sul territorio, hanno assolto con lodevole spirito di servizio e soprattutto con grande equilibrio la difficile consegna assegnata, nell’interesse superiore dei cittadini. Per la loro azione capace, le rivolgo i più sinceri complimenti, che la prego di voler estendere a quanti hanno operato, secondo i rispettivi compiti e responsabilità”.

“Ritengo che questa testimonianza di efficienza operativa, oltre che di sensibilità alle esigenze reali della comunità civile, rappresenti una decisiva dimostrazione della necessità di assicurare risposte adeguate al personale della pubblica sicurezza e del soccorso pubblico, che chiedono al mondo politico-istituzionale attenzione e sensibilità alle proprie giustificate rivendicazioni, mentre si annuncia la conferma per il 2015 del blocco degli aumenti salariali del comparto. Con i sensi della mia stima e il più sentito ringraziamento, Le giungano i più cordiali saluti”.

Simona Manca: "Violenza inaudita"

“Si è utilizzato come pretesto il raduno di CasaPound, che peraltro si è svolto pacificamente, per dare libero sfogo ad atteggiamenti distruttivi e guerrafondai,  quelli sì realmente fascisti”. Questa l’opinione di Simona Manca, vice presidente della Provincia di Lecce, a proposito dei fatti dello scorso sabato pomeriggio.

“Gli argomenti utilizzati e la violenza inaudita che ha sporcato e spaventato Lecce – sostiene l’esponente di Forza Italia - segnano una distinzione netta di impegno e visione tra chi li ha posti in essere e tutti i cittadini, le associazioni che si impegnano quotidianamente, che si riuniscono e manifestano pacificamente, oltre a chi sta costruendo un progetto serio per Lecce”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E adesso chi risarcirà questa città? Il mio auspicio è che le forze dell’ordine riescano a perseguire e punire chi ha insultato lo Stato e la polizia, chi ha intimidito i commercianti del centro, chi ha imbrattato con minacce e slogan violenti muri dei palazzi storici, monumenti, cartelli stradali, vetrine, edifici privati, chi ha fatto spaventare bambini e famiglie con le bombe carta fatte esplodere tra chi passeggiava”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento