menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il municipio di Sannicola

Il municipio di Sannicola

“Alloggi pronti, ma non assegnati”. Nocera e il Pd in pressing sul sindaco

Il consigliere del Pd a Sannicola, Valerio Nocera, scrive all'assessore regionale Barbanente e all'ex Iacp per segnalare i ritardi nell'assegnazione di sedici alloggi di edilizia pubblica già ultimati. Ma gli intoppi sono per la graduatoria

SANNICOLA -  La comunità di Sannicola avrà a breve a disposizione anche il suo ecocentro, ma intanto dal circolo cittadino del Pd parte una nuova offensiva per sbloccare l’assegnazione delle nuove case popolari. Un’iniziativa avviata in questi giorni dal consigliere comunale di opposizione della coalizione del “Centrosinistra per Sannicola”, Valerio Nocera, che ha preso carta e penna per rendere edotti della situazione tanto il vicepresidente ed assessore regionale con delega all’edilizia residenziale pubblica, Angela Barbanente, quanto l’ex istituto autonomo case popolari (ora Arca Sud Salento).

La denuncia che parte dal Pd sannicolese è perentoria: “Sono pronti da oltre un anno e mezzo 16 alloggi popolari alla periferia del paese, ma il sindaco ritarda nelle assegnazioni alle famiglie che ne hanno diritto e necessità”. Da qui l’auspicio mosso dal consigliere Nocera  per una risoluzione urgente della questione con l’intervento degli organi competenti per attuare  i provvedimenti del caso e, se opportuno, con la nominina di un commissario ad acta per l’assegnazione degli alloggi. “Nel Comune di Sannicola insisteva un’opera pubblica abbandonata e in stato di degrado risalente agli anni 80” spiega il consigliere Pd, “e la Regione Puglia, su proposta della passata amministrazione comunale, reperendo e destinando un finanziamento importante, ha riqualificato e realizzato sedici alloggi popolari. Il cantiere è stato completato e ultimato da circa un anno come risulta da comunicazioni dell’Istituto Autonomo case popolari al Comune.  I motivi della mancata assegnazione sono da imputarsi all’assenza della graduatoria definitiva di assegnazione da parte della Commissione provinciale, che avviene dopo aver verificato quella provvisoria stilata dal comune di Sannicola. A quanto risulta la graduatoria provvisoria da inviare al vaglio della competente commissione provinciale  è stata più volte variata” dice ancora Valerio Nocera, “nel frattempo i nuclei familiari in stato di bisogno, con sfratti esecutivi, alloggi carenti per condizioni igienico sanitarie, canoni privati onerosi e insostenibili, continuano a rimanere senza casa, e in tal modo il rischio imminente di occupazione abusiva è assai probabile. Paradossalmente per tale motivo l’amministrazione comunale attuale, invece di approntare la graduatoria di assegnazione degli alloggi agli aventi diritto, paga con i soldi dei cittadini sannicolesi il servizio di sorveglianza al cantiere”.Valerio Nocera (Pd)-2

Ora da quanto emerso presso il Comune di Sannicola sembra che l’ultima graduatoria provvisoria (con il secondo bando integrativo chiuso nell’aprile del 2011) per l’assegnazione di alloggio di edilizia residenziale pubblica sia stata resa nota dal sindaco Mino Piccione con un avviso pubblico del 6 ottobre scorso. E che i ritardi, in seguito alle richieste e agli aggiornamenti inviati alla Commissione provinciale, siano da imputare proprio alla mancata redazione della graduatoria definitiva degli aventi diritto. Così come la giunta comunale retta dal sindaco Piccione, e sostenuta dal gruppo di maggioranza Sannicola Cambia, ha dato mandato al dirigente di settore di avviare le procedure per la presa in carico della sorveglianza del cantiere nel marzo scorso dopo la redazione del verbale di ultimazione dei lavori da parte dei tecnici, responsabili della ditta esecutrice e dagli uffici comunali.       

Secondo i rilievi del consigliere Valerio Nocera  tale situazione si protrae comunque “da ormai  oltre un anno e mezzo, provocando oltre al disagio degli aventi diritto, danni economici sia all’ex Iacp che non può chiudere definitivamente il cantiere, sia al Comune di Sannicola che corre il rischio di ulteriori addebiti in quanto inadempiente e in ritardo. Se a livello nazionale stiamo assistendo ad una guerra tra poveri per accaparrarsi un tetto” incalza il consigliere Pd, “a Sannicola invece abbiamo la possibilità di sostenere queste famiglie più svantaggiate e si prende tempo. Il sindaco Piccione aveva promesso, con pubbliche dichiarazioni, che entro la prima settimana di dicembre le case sarebbero state assegnate, ma come è evidente siamo ancora in alto mare”. E alla richiesta di risoluzione immediata della questione e dell’assegnazione degli alloggi incalzata dal Pd, fa da contraltare la rassicurazione dell’amministrazione comunale del sindaco Piccione che garantisce l’esecutività del provvedimento “dopo il via libera e la definizione della relativa graduatoria dei legittimi assegnatari”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento