Cannabis terapeutica, la produzione su suolo pugliese è ora possibile per legge

In consiglio regionale il via libera definitivo alla proposta di legge firmata da Sergio Blasi. Dopo la somministrazione adesso è legale anche la coltivazione che però deve essere fatta solo da soggetti muniti di tutte le autorizzazioni del caso

LECCE – E’ un progetto da considerarsi ancora pilota, ma di certo apre la strada ad un percorso che in Italia ha per il momento battuto solo il Veneto. Il consiglio regionale, riunitosi oggi a Bari, ha approvato il disegno di legge proposto da Sergio Blasi, del Partito democratico, sulla coltivazione della cannabis per fini terapeutici sul territorio pugliese.

“Questa è una legge di grande civiltà e un segnale al governo nazionale per sollecitarlo su un tema che riguarda migliaia di malati. In Puglia abbiamo scelto ancora una volta di sfidare il pregiudizio e superare le diffidenze, perché è così che la storia avanza. Lo abbiamo fatto condividendo questo percorso con le associazioni dei malati che usano i farmaci da cannabinoidi e proprio questa scelta ha dato alla proposta di legge la pertinenza ed l’efficacia che produrranno veri benefici per chi ha bisogno di curarsi”.

Insomma la Puglia è ora pronta dal punto di vista normativo anche alla produzione dopo aver dato il via libera alla somministrazione, sebbene la posizione della Corte costituzionale sulla materia sia incardinata su alcuni principi: “Resta intatta la necessità che gli interlocutori che saranno individuati dalla Regione, siano essi l'Istituto chimico farmaceutico militare di Firenze ovvero altro soggetto, debbano preventivamente conseguire, se non già possedute, le autorizzazioni di legge e, in particolare, l'autorizzazione  alla produzione da parte della Agenzia italiana del farmaco”.

La legge prevede anche la possibilità di centralizzare gli acquisti di cannabis terapeutica. Secondo la relazione introduttiva al testo di legge “nelle more di messa a regime di un nuovo percorso di produzione e somministrazione, del quale oggi si pongono le basi, la centralizzazione degli acquisti può consentire comunque la realizzazione di economie di scala, già realizzate in altri settori”. Al momento infatti l’approvvigionamento dall’Olanda costa alle casse regionali quasi 20 volte quello che costerebbe con la produzione in loco.

“Sono soddisfatto per l’approvazione dell’ordine del giorno per la sperimentazione di medicinali cannabinoidi così come da noi emendato”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Aldo Aloisi. “Abbiamo lavorato in Commissione Sanità –prosegue- perché  fosse prevista una verifica puntuale della sperimentazione sia per quanto concerne i costi (che sembrano piuttosto elevati) sia per valutarne l’efficacia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In base all’emendamento proposto da me e dai colleghi Friolo e Surico ed oggi approvato, la Giunta regionale si impegna a relazionare in Consiglio sui risultati della sperimentazione dopo un anno dall’approvazione della legge e per gli anni successivi. Ci sembra un ottimo risultato –conclude- che coniuga la necessaria innovazione in campo scientifico con il doveroso controllo sui suoi effetti da parte della Regione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento