rotate-mobile
Politica

Contatori di sottrazione in 530 alloggi popolari. A garanzia di chi paga le bollette

La giunta ha stanziato 197mila euro per l'installazione dei dispositivi elettronici. In questo modo si vuole evitare che l'interruzione dell'erogazione dell'acqua per morosità colpisca tutti gli inquilini di uno stabile, come accade oggi

BARI – La giunta regionale nella seduta odierna ha deliberato l’utilizzo di 197mila euro per l’installazione di contatori di sottrazione elettronici in 530 alloggi popolari di Arca Sud Salento, l’ex Iacp. In questo modo si vuole evitare che gli assegnatari in regola con il pagamento delle bollette dell’acqua subiscano i disagi dovuti ai tagli operati da Aqp in presenza di inquilini morosi.

Con i nuovi dispositivi si eviteranno anche addebiti di somme forfettarie, conguagli di fine anno, letture errate e inefficienze varie. Più volte e anche negli ultimi mesi si sono verificate situazioni di disagio a causa di interruzioni del servizio e spesso sono intervenute le forze dell’ordine per sedare gli animi.

Sempre in giunta sono stati confermati 15 milioni di euro di contributo all’affitto per gli inquilini disagiati. Si tratta di un importo costante da circa un decennio, che dall’anno scorso è disponibile direttamente per i Comuni e che va incontro alle necessità di coloro che rischiano lo sfratto essendo nelle condizioni di non poter far fronte al canone.

“Purtroppo – ha spiegato la vicepresidente e assessore alla Qualità del territorio, Angela Barbanente - dobbiamo dire che, pur avendo i soldi in cassa, abbiamo difficoltà a erogare i fondi a causa dei vincoli assurdi del patto di stabilità interno, che non premiano certo le regioni più virtuose, accorte ed efficienti nell’uso dei fondi pubblici”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contatori di sottrazione in 530 alloggi popolari. A garanzia di chi paga le bollette

LeccePrima è in caricamento