menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cordoli a protezione delle bike lane e un semaforo dove è morta una 16enne

Iniziati i lavori in alcuni punti delle corsie ciclabili ritenuti più a rischio e all'incrocio tra via Rapolla e viale Giovanni Paolo II

LECCE – Un cordolo a protezione delle corsie ciclabili è in via di posizionamento in alcuni punti considerati meno sicuri di altri, per un totale di poco meno di 300 metri lineari.

I lavori, iniziati questa mattina, interessano via Garibaldi (all’altezza della rotatoria all’uscita della villa Comunale); via XXV Luglio, fino all’incrocio con via Trinchese; viale Marconi, fino all’incrocio con viale Lo Re; presso la rotatoria di Torre del Parco, a collegamento delle due piste ciclabili in sede propria già esistenti.

Inoltre Sgm ha avviato la realizzazione di un impianto semaforico all’incrocio tra via Rapolla e viale Giovanni Paolo II: proprio in quel punto perse la vita il 14 luglio scorso una sedicenne che si trovava a bordo di uno scooter insieme un amico, rimasto a sua volta gravemente ferito.

“Miglioriamo la sicurezza delle corsie ciclabili che garantiscono ai tanti leccesi che utilizzano la bicicletta per spostarsi in città la possibilità di farlo in maniera veloce, ecologica e senza i disagi che l’utilizzo dell’automobile per piccoli spostamenti necessariamente può comportare – ha commentato l’assessore alla Mobilità sostenibile, Marco De Matteis –: i cordoli serviranno anche a scoraggiare i comportamenti scorretti di quegli automobilisti che ancora oggi parcheggiano o transitano sugli spazi destinati ai ciclisti. Su via Rapolla con la semaforizzazione dell’incrocio diamo seguito all’impegno di migliorare la sicurezza di un tratto di viabilità che è stato sede di un incidente che ha sconvolto la città, lasciando un vuoto incolmabile”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento