Lunedì, 26 Luglio 2021
Politica

Crisi del metalmeccanico, Fiom contro Confindustria: "A quando vostra autocritica?"

Il sindacato risponde alle dichiarazioni rilasciate ieri dagli industriali e la polemica si ingrossa: "Nessuno nega le eccellenze del territorio, ma non è blasfemo parlare di grave crisi del settore in provincia di Lecce"

A sinistra, Salvatore Bergamo.

 

LECCE - La replica del segretario generale della Fiom Cgil Lecce, Salvatore Bergamo, in merito a quanto dichiarato dai rappresentanti di Confindustria Lecce rispetto al presunto populismo di osservazioni come "politici i ladri ed imprenditori incapaci" fatte nel corso dell'assemblea del sindacato, a fine novembre, non si è fatta attendere.
"In merito alle dichiarazioni di Giacinto Colucci, responsabile della sezione metalmeccanica in Confindustria Lecce, si vuole precisare che la mia considerazione è riferita alle dichiarazioni emerse nell’assemblea nazionale dei giovani industriali (riferite ai politici), ritenendo che sia sintomo di populismo il voler scaricare le responsabilità solo sulla politica e trovando scorretta questa impostazione. - precisa Bergamo - Ora, se patto sociale significa scaricare il peso della crisi solo sui lavoratori, come si sta facendo e sì è fatto in questi anni, per noi non va assolutamente bene".
Il segretario Fiom dichiara di non comprendere la reazione di Confindustria: "Nessuno, né tanto meno il sottoscritto, nasconde la crisi che sta investendo l’Europa. Ma una cosa è certa: per uscirne bisogna imboccare una strada diversa, che non è quella di ridurre i diritti".
Secondo Bergamo, nel Salento esistono punti di eccellenza nel settore metalmeccanico, ma non per questo sarebbe "blasfemo dichiarare che il settore metalmeccanico in provincia di Lecce è sofferente, o elencare le aziende che in questo momento stanno facendo ricorso alla cassa integrazione ordinaria oppure in deroga".
"Credo invece che vadano fatte delle valutazioni più obiettive quando sì è di fronte a lavoratori che non percepiscono lo stipendio da mesi. - aggiunge - Riteniamo in ogni caso positivo che ora si parli anche del settore metalmeccanico nella provincia di Lecce. Capisco che attaccare la Fiom che si oppone a quello che sta succedendo sia diventato uno sport nazionale, ma voi l’autocritica quando la fate? Pensate veramente che le responsabilità siano da attribuire solo ad altri?".
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi del metalmeccanico, Fiom contro Confindustria: "A quando vostra autocritica?"

LeccePrima è in caricamento