Politica

Cura dimagrante per i servizi sociali: sit-in a Campi Salentina

Venute meno le risorse del Pac, i lavoratori sono alle prese con un taglio del monte ore. Perrone di UilTucs: "Necessari gli ammortizzatori sociali"

CAMPI SALENTINA - Uiltucs ed i lavoratori della cooperativa Auxilium questa mattina hanno organizzato un sit-in di protesta presso gli uffici dell’ambito sociale di Campi Salentina.

Gli operatori dei servizi Adi, impegnati nell’assistenza domiciliare integrata per persone non autosufficienti, e dei servizi di assistenza domiciliare agli anziani (Sad) sono alle prese con un grave problema economico. Entrambi i servizi sociali venivano finanziati dagli ambiti sociali ricorrendo alle risorse dei Piani sociali di zona alle quali si aggiungevano i fondi del Pac, il Piano regionale di azione e di coesione.

Queste ultime risorse, però, non sono più disponibili e la mancanza di liquidità ha comportato un drastico taglio dei servizi e del lavoro del personale impiegato dalla cooperativa.  

“Prima di questa cura dimagrante agli assistenti sociali erano garantiti i minimi contrattuali pari a circa 16 ore settimanali – puntualizza la segretaria provinciale Uiltucs, Antonella Perrone –. Adesso i servizi sono stati quasi dimezzati e i lavoratori sono scesi sotto la soglia base, con appena 9 ore settimanali”.

Il disagio, spiega la segretaria, è duplice: “Siamo alle prese con un problema di natura sociale, innanzitutto, per via della drastica sforbiciata ai servizi rivolti a soggetti fragili, come anziani e persone affette da gravi patologie invalidanti. Ma la mancanza di risorse ha avuto un riflesso negativo anche sul fronte occupazionale e gli assistenti sociali si stanno mobilitando per ripristinare almeno i minimi contrattuali”.

Nel frattempo l’ambito di zona di Campi Salentina è alle prese con un cambio d’appalto: la cooperativa Auxilium continua ad operare, dal mese di luglio, in regime di proroga nell’attesa che venga espletata la nuova gara per l’affidamento dei servizi.

“Questo periodo di transizione, in attesa del passaggio di testimone sull’appalto, deve essere gestito al meglio – osserva Antonella Perrone -. Per questo motivo le organizzazioni sindacali hanno chiesto alla cooperativa di verificare che vi siano le condizioni per l’attivazione degli ammortizzatori sociali, così da garantire ai lavoratori un sostegno al reddito”.

“È bene dire – conclude la segretaria – che il problema occupazionale non è circoscritto al solo ambito di Campi Salentina ma riguarda tutto il sistema dei servizi sociali su scala provinciale: i fondi del Pac risultano infatti esauriti e indisponibili e non sappiamo dire se verranno ripristinati”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cura dimagrante per i servizi sociali: sit-in a Campi Salentina

LeccePrima è in caricamento