rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
L'analisi nei centri

Effetto Meloni in due comuni salentini su tre, Pd forte nei centri più grandi

Il dato che arriva dalle realtà territoriali con il Partito Democratico che cresce nel capoluogo e si afferma a Galatina, Gallipoli e Tricase con un buon risultato a Nardò. A Lecce FdI oltre il 30%: ora si attendono le amministrative

LECCE – Due comuni su tre nel Salento nel segno di Giorgia Meloni e di Fratelli d’Italia: il voto per le Europee conferma il dato nazionale premiando il partito della premier ma anche la principale forza di opposizione. Spulciando i dati dei centri salentini si notano alcuni numeri interessanti a partire dalle principali città, dove il Partito Democratico ottiene i risultati più significativi, mentre nelle realtà minori si afferma FdI.

La situazione di Lecce, anche in vista del risultato amministrativo su cui si accenderanno le attenzioni dal primo pomeriggio, è interessante con il partito della Meloni al 30,72% (cinque anni fa era all’11,24%), il Pd al 26,90% (con più cinque punti percentuali rispetto al 2019 quando si era fermato al 21,77%), il M5S all’11,04% (meno otto punti percentuali del precedente dato) Lega all’8,03% (quando cinque anni fa era stato il primo partito nel capoluogo salentino col 22,85%) Forza Italia al 7,47% (comunque quasi quattro punti percentuali in meno rispetto alla precedente rilevazione europea) e Alleanza Verdi e Sinistra al 6,47%.

La somma dei partiti del centrodestra cinque anni fa viaggiava sopra il 45%, mentre oggi acquista un punto percentuale in più, riconfermando nella sostanza il dato complessivo. Sommando quelle di centrosinistra, che si presentano unite nella competizione amministrativa, il dato è molto vicino e, quindi, bisognerà capire come cambieranno gli equilibri col voto alle comunali, che segue sempre logiche molto differenti da quelli più politici come le elezioni Europee.

I dati di provincia e regione

I dati delle elezioni 2022

Il Partito Democratico si afferma in molti grandi comuni come Galatina, Gallipoli e Tricase, ottenendo risultati importanti anche a Nardò dove arriva al 26,71%. Successi anche ad Alessano, Campi Salentina, Caprarica di Lecce, Corigliano d’Otranto, Corsano, Cutrofiano, Martignano, Melpignano. Montesano Salentino, Morciano di Leuca, Ortelle, Patù, Presicce-Acquarica, Racale, San Donato di Lecce, Sanarica, Sogliano Cavour, Specchia, Sternatia, Taurisano, Tiggiano, Trepuzzi, Zollino. La percentuale più alta ad Aradeo col 65,34% grazie anche all’effetto della candidatura della vicesindaca Tramacere.

La Lega di Salvini riesce a conquistare quattro centri: Calimera e Nociglia dove sfonda il 32%, Salice Salentino e Sannicola. Un buon risultato anche a Squinzano con il 23,41%. In tutti gli altri comuni l’affermazione di Fratelli d’Italia, a partire da centri più importanti come Cavallino, Casarano (34,77%), Copertino (34,56%), dove peraltro c’è attesa per l’esito delle amministrative, Galatone, Lequile, Leverano, Lizzanello, Maglie e Nardò e in centri della Grecìa salentina come Carpignano Salentino, Castri di Lecce, Castrignano de’ Greci, Cursi, Martano e Soleto). Il dato percentualmente più rilevante arriva da Porto Cesareo dove Fratelli d’Italia tocca il 56,80%. In molte delle realtà territoriale è evidente il crollo di consensi per il M5S rispetto a cinque anni fa.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Effetto Meloni in due comuni salentini su tre, Pd forte nei centri più grandi

LeccePrima è in caricamento