Martedì, 15 Giugno 2021
Politica

Debiti non previsti per 7 milioni: Salvemini fa chiarezza sul bilancio

Emersi possibili debiti nel settori Affari generali, Lavori pubblici e Urbanistica. Il sindaco: "Non sono stupito, ora ci toccherà mettere in ordine i conti della città"

LECCE – Le casse del Comune di Lecce piangono miseria. Il sindaco appena eletto, Carlo Salvemini, ha annunciato alla stampa che dalla verifica degli equilibri di bilancio potrebbe emergere debiti non previsti che ammontano a 7 milioni di euro.

Tale verifica, in base a quanto previsto dal Testo unico sugli enti locali, spetta al Consiglio comunale entro il 31 luglio. Ma la data è slittata al prossimo 8 agosto per via della convalida dell’elezione dei consiglieri, avvenuta solo pochi giorni addietro.

Intanto nelle scorse settimane il settore Economico e finanziario, con la collaborazione dei dirigenti di tutti i settori dell’amministrazione e i vertici delle aziende partecipate, ha proceduto a verificare l’esistenza di situazioni che possono pregiudicare l’equilibrio dei conti ed eventuali necessità di variazioni di bilancio.

Il risultato di queste analisi è preoccupante perché, appunto, sono emersi “scostamenti tali da alterare gli equilibri nei settori Affari generali e istituzionali, Lavori pubblici e Urbanistica”.

“Spero di smentirmi”, ha commentato il sindaco con aria costernata. Ma lo stesso Salvemini, uscente dalle fila dell’opposizione, ha poi ammesso di non essere completamente stupito della possibile situazione debitoria.

“Le responsabilità – ha spiegato nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta presso l’Open space di Palazzo Carafa – sono ovviamente ascrivibili agli esercizi di bilancio delle amministrazioni precedenti e subiremo un appesantimento sulla spesa nel biennio 2018/2019. Dobbiamo fare anche i conti con spese fisse che non ci permettono di derogare più tanto”.

L’obiettivo, nel caso in cui la situazione debitoria venisse ufficializzata in queste proporzioni, è quello di lavorare per ristabilire l’equilibrio nei conti pubblici “con il minore impatto possibile per i cittadini”. Ed il sindaco non ha escluso possibili e forse inevitabili tagli ai servizi per la città di Lecce.

“Navighiamo in un mare agitato ma non sono impressionato – ha aggiunto lui -. Il mio compito ora è quello di rimettere in ordine i conti”. Da questo momento in poi, quindi, i dirigenti comunali dovranno attivare le necessarie verifiche in relazione alla certezza del credito vantato nei confronti dell’amministrazione.

Laddove necessario, bisognerà avviare procedure di contestazione, proposte di transazione o rateizzazione di quanto dovuto. La copertura del debito interesserà quindi tutti i settori dell’amministrazione, chiamati a contribuire in maniera diretta o indiretta alla soluzione della problematica indicando possibili modalità di copertura delle situazioni debitorie, segnalando maggiori entrate o la possibilità di economie nei vari capitoli di spesa di propria competenza. 

L'UDC: "SOSTEGNO AL SINDACO" -  "L'imput che il sindaco Carlo Salvemini ha fornito agli uffici comunali non appena insediatosi, verificare immediatamente lo status quo della situazione finanziaria dell'ente, si è rivelato risolutore e politicamente lungimirante", hanno commentato, a margine della conferenza, Marco Nuzzaci, vicepresidente del Consiglio comunale, e Roberta De Donno, consigliera, entrambi dell'Udc.

"Sono emerse criticità legate alla passata amministrazione, debiti per 7 milioni di euro nel triennio 2018-2019, cui sarà necessario porre rimedio attraverso l'interessamento di tutti i settori dell'amministrazione, e non soltanto quelli maggiormente coinvolti, Lavori Pubblici, Urbanistica, Affari generali". 

"È evidente che l'amministrazione guidata dall'ex sindaco Perrone ha operato scelte di opinabile interesse nei confronti della cittadinanza - ha commentato in particolare Nuzzaci - ma lungi dal voler puntare il dito contro i responsabili di questa situazione, non sarà nostra consuetudine agire in questo modo - ci preme far sentire deciso il nostro sostegno al sindaco Salvemini e tutta la nostra approvazione nell'intento, prioritario, di risanare i conti del Comune di Lecce".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Debiti non previsti per 7 milioni: Salvemini fa chiarezza sul bilancio

LeccePrima è in caricamento