Giovedì, 13 Maggio 2021
Politica

Sovraffollamento e aggressioni in carcere: preoccupata delegazione leghista

Il senatore Roberto Marti e altri esponenti del partito di Salvini hanno effettuato una visita ispettiva nel penitenziario di Borgo San Nicola

La delegazione leghista con un sindacalista all'interno del carcere.

LECCE – Una delegazione della Lega è stata questa mattina in visita ispettiva presso il carcere di Borgo San Nicola.

Intorno alle 11 e 30 il senatore Roberto Marti, il deputato Rossano Sasso, il segretario regionale Andrea Caroppo e quello provinciale Leonardo Calò hanno varcato la soglia del penitenziario per quella che è stata la seconda tappa di un giro che toccherà tutti gli istituti regionali: una settimana addietro la prima a Bari, mentre la prossima sarà a Taranto verso la fine del mese.

“Abbiamo riscontrato una situazione pericolosa per la sicurezza – hanno sottolineato gli esponenti leghisti - sia degli operatori che per gli stessi detenuti. Sovraffollamento, organico degli agenti del tutto insufficiente a causa dei tagli operati dal decreto Madia nel 2017, problemi nell'assistenza sanitaria”.

Marti e gli altri hanno riscontrato, insomma, la persistenza di quelle criticità che i sindacati di polizia penitenziaria segnalano da molti anni, come il fenomeno degli atti di violenza: “Siamo vicini agli agenti della polizia penitenziaria che subiscono costantemente aggressioni da parte dei detenuti. Purtroppo fino ad oggi qualcuno ha pensato di fare cassa sulla sicurezza e sulla pelle degli agenti, non è possibile che a fronte di un numero di detenuti superiore di circa 300 unità rispetto a quello previsto sulla carta, siano stati tagliati negli ultimi anni circa 200 agenti. Noi assicuriamo il nostro impegno a livello parlamentare per migliorare la situazione ed informeremo della situazione del carcere di Lecce e di tutte le carceri pugliesi il ministro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sovraffollamento e aggressioni in carcere: preoccupata delegazione leghista

LeccePrima è in caricamento