Delli Noci reagisce ai veti: “Chi viene con me è un uomo libero”

Il candidato di “Un’altra Lecce” replica alle dichiarazioni di Giuseppe Fornari che ha escluso convergenze elettorali sull’ex assessore

Alessandro Delli Noci.

LECCE – Diritti e pari opportunità, ambiente, energia e agricoltura. Sono stati questi i temi oggetto dei tavoli di discussione tenuti ieri nell’ambito dell’iniziativa promossa da Alessandro Delli Noci, candidato a sindaco per il movimento “Un’altra Lecce”.

L’occasione è stata colta dall’ex assessore all’Innovazione Tecnologica per rispondere a Giuseppe Fornari, promotore di “Una buona storia per Lecce” che ha escluso qualsiasi convergenza elettorale su Delli Noci.

“Preferisco andare avanti senza dare spazio e credito a chi parla di me pur avendo privatamente apprezzato e condiviso il mio progetto, che mira a lavorare sui bisogni e le esigenze dei miei concittadini fornendo delle risposte con azioni concrete. C’è chi lavora con le persone e sui fatti e c’è chi, invece, lavora esclusivamente alla propria candidatura che non è civica ma di partito, vedendo in chi viene con me un trasformista; chi viene con me non è un trasformista, è un uomo libero”.

Che Delli Noci stia facendo breccia in alcuni settori di associazionismo tradizionalmente sensibili alle ragioni della sinistra, oltre che in settori di società civile di orientamento progressista, è nelle cose: lo dimostrano alcune presenze proprio all’iniziativa di ieri, nonché l’invito che l’ex assessore ha ricevuto per partecipare alla “Convention per l’alternativa” promossa da “Idea per Lecce”, sigla chiaramente collocabile nel centrosinistra cittadino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le idee emerse quella di un mettere in piedi un osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori, la creazione di un centro ascolto per il benessere della persona a delle categorie specifiche (persone lgbtqi*, donne, disabili, migranti, persone sieropositive) e l’individuazione di un immobile da adibire a Casa dei Diritti, uno spazio che possa essere la sede di tutte le associazioni che si occupano di diritti civili e che possa permettere loro di lavorare in sinergia. Durante la prossima settimana si discuterà di mobilità, arte e cultura, educazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento