Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica Centro / Piazza Sant'Oronzo

Di Battista show: “Berlusconi in galera, ma questa sinistra indecente è peggiore”

"Question time" in piazza Sant'Oronzo: il deputato romano e il leccese Diego De Lorenzis rispondono alle domande di attivisti e simpatizzanti. Le elezioni per il Parlamento europeo sono alle porte: l'obiettivo è di essere il primo partito

LECCE – Mattinata insolita in Piazza Sant’Oronzo dove è andato in scena un informale “question time” che ha visto protagonisti i deputati del Movimento 5 Stelle Diego De Lorenzis e Alessandro Di Battista. Il primo, leccese, è segretario della commissione Trasporti mentre l’altro è vicepresidente di quella Affari esteri. Ingegnere e leccese il primo, scrittore romano il secondo. All’appuntamento fissato per le 10.30 hanno risposto in centinaia, attivisti giunti nel capoluogo da tutta la provincia, ma anche simpatizzanti e curiosi che si trovavano a passeggiare nel cuore di Lecce.

Di Battista ha confermato di essere molto efficace dal punto di vista comunicativo e non è un caso che sia tra gli esponenti del movimento con maggiore visibilità in questa fase politica. Specializzato in tutela dei diritti umani, si è occupato di progetti di cooperazione in Congo e in Centro America. Laureato in discipline dell’arte, della musica e dello spettacolo, ha tentato per gioco anche la strada del talent show (nello specifico “Amici”).

La manifestazione, strutturata sull’asse domanda del cittadino e risposta del “portavoce”, è stata preceduta da una breve introduzione di Di Battista che ha insistito in più passaggi sulla necessità imprescindibile di respingere qualsiasi tentativo di approccio e di accordo con altri partiti. Non c’è poi tanta differenza tra destra e sinistra, secondo lui. Anzi parlando di Berlusconi ha detto: “Lo voglio in carcere quel delinquente, ma rispetto più lui di questa sinistra indecente che va avanti con il portafoglio della destra”.

dibattista_piazza 001-2Il concetto è chiaro: il Cavaliere è l’indiscusso genio del male, ma dotato di grande intelligenza: esserne consapevoli serve a contrastarlo con gli strumenti più appropriati. Il riferimento economico è invece alla prima fase dell’ascesa politica di Matteo Renzi che, ha ricordato il penta stellato, divenne primo cittadino con la benevolenza dei ras di Forza Italia locali, a partire da Denis Verdini. Con queste premesse, l’inciucio alla luce del nascente governo sarebbe dietro l’angolo. Perché tanto è chiaro, ha aggiunto il deputato, che è sempre la sinistra a far resuscitare il Cavaliere piegato dalla giustizia o dal voto elettorale. Di Battista è andato giù pesante anche su Nichi Vendola, definendolo “l’emblema dell’ipocrisia della sinistra”.

Il deputato romano si è detto sicuro che dalle prossime elezioni europee il M5S ne verrà fuori con un ottimo risultato: si vota con il sistema proporzionale e l’ambizione è di essere il primo partito. Di Battista ha anche abbattuto in un solo colpo gli steccati ideologici, secondo lui strumentali solo al teatrino della vecchia politica: “L’unica differenza, oggi che siamo nel 2014, è tra cittadini onesti e delinquenti”.

Del resto la platea che ha davanti è composta in gran parte da reduci di tutti gli schieramenti e lo sa perfettamente anche lui quando si rivolge a chi “ha votato Democrazia cristiana”. Ed è proprio nell’ampio bacino degli indecisi e dei delusi che il M5S conta di pescare consensi per assestare la decisiva spallata al sistema partitocratico. Le Europee diranno se la direzione della cabina di regia Grillo-Casaleggio è quella giusta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Battista show: “Berlusconi in galera, ma questa sinistra indecente è peggiore”

LeccePrima è in caricamento