menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il vice sindaco, Alessandro Delli Noci, ha illustrato la proposta di articolazione territoriale

Il vice sindaco, Alessandro Delli Noci, ha illustrato la proposta di articolazione territoriale

Dieci quartieri, quattro frazioni, borghi e "contesti": la nuova mappa di Lecce

In commissione Lavori Pubblici tutti d'accordo sulla proposta. Dopo la soppressione delle circoscrizioni, il volto nuovo del territorio del capoluogo

LECCE – Dieci quartieri, quattro frazioni, tre borghi, tre contesti: la nuova articolazione del territorio comunale di Lecce presenta molte novità rispetto al passato. L'assetto, che sarà sottoposto all’approvazione del consiglio comunale è strettamente collegato all’istituzione dei comitati di quartiere, deliberata dall’assise cittadina nel gennaio scorso per incentivare la partecipazione della cittadinanza alle scelte di governo del territorio.

I quartieri vennero istituiti nel 1970 in numero di otto: Centro, Santa Rosa, Mazzini, Leuca, Ferrovia, Rudiae, Stadio, Litorale. Nel 1980 fu la volta delle circoscrizioni che comprendevano ciascuna un quartiere preesistente, ma nel 2002 furono ridotte a cinque: Centro-Mazzini, Rudiae-Ferrovia, Santa Rosa-Stadio, Stadio-Leuca-Ferrovia, Rudiae-Ferrovia, Litorale. Le circoscrizioni vennero soppresse nel 2012, perché così prevedeva la legge per le città con popolazione inferiore ai centomila residenti.

Non è stato un passaggio indolore e non solo per chi ricopriva cariche (elettive) nelle varie circoscrizioni: da quel momento infatti si è avuta una centralizzazione delle funzioni che solo in parte è stata compensata dall’esistenza di uffici comunali dislocati sul territorio urbano. Così, come previsto nel programma elettorale sia di Carlo Salvemini che di Alessandro Delli Noci, è stata proposta una nuova “mappa” della città e del suo territorio attorno per rispondere a un duplice obiettivo: rispondere meglio all’organizzazione dei servizi e delle attrezzature e incentivare forme di partecipazione civica. Nel gennaio scorso il consiglio comunale del resto ha già approvato i comitati di quartieri e il regolamento per il loro funzionamento (non sono previsti gettoni di presenza, le cariche saranno elettive e gratuite)

La delibera discussa e approvata all'unanimità oggi in commissione Lavori Pubblici (presidente Angelamaria Spagnolo) contiene l’indicazione di dieci quartieri: Centro, Leuca, Mazzini, San Sabino, Kolbe-San Giovanni Battista, Salesiani, Santa Rosa; Borgo San Nicola, Rudiae-San Pio, Ferrovia-Casermette. Dietro le denominazioni emergono le novità: il quartiere Stadio viene smembrato in tre parti (e la zona 167 A viene divisa dalle zone B e C); sancita la “separazione” anche tra Salesiani e Santa Rosa mentre Borgo San Nicola diventa un quartiere a se stante; quella parte di territorio corrispondente alla grande circoscrizione Rudiae-Ferrovia viene divisa in due quartieri, Rudiae-San Pio e e Ferrovia-Casermette; il quartiere Mazzini si stende fino a piazza Partigiani da una parte e verso il rione San Lazzaro dall’altra, aree con le quali risulta molto più omogenena.

Cambiamenti anche per quanto riguarda le frazioni: dall’unica esistente, Villa Convento, si passa a quattro con la promozione di Frigole, San Cataldo e il raggruppamento Torre Chianca-Spiaggiabella-Torre Rinalda. Sono tre invece i “contesti”: Entroterra costiero, Santa Maria a Cerrate, Rudiae-Villa Convento. Delli Noci, che è vice sindaco ma anche assessore ai Lavori Pubblici, ha spiegato che questa ripartizione sarà utile per le misure di sostegno regionale pensate appositamente per le aree rurale, a partire dal piano di sviluppo: è un paradosso, infatti, che in questo senso Lecce non riceva mai delle premialità, pur essendo circondata da terreni agricoli. A parte, infine, la zona industriale, con una estensione di 370 ettari, praticamente pari a quella del quartiere Kolbe-San Giovanni Battista.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento